Boom di iscrizioni online nella scuola nel primo giorno di apertura del sistema informatico del Miur www.iscrizioni.istruzione.it: già a mezzanotte e mezza erano 1.500 le iscrizioni mentre al momento hanno superato quota 5mila. Lo ha detto il ministro Francesco Profumo a margine della visita al campo di sterminio di Auschwitz in occasione del viaggio della memoria.

Quest’anno le iscrizioni devono essere effettuate esclusivamente on line per tutte le classi iniziali dei corsi di studio (a eccezione della scuola per l’infanzia). Una modalità, per la verità già possibile l’anno scorso in maniera facoltativa, ma ora diventata obbligatoria per le scuole statali (per le private l’obbligo non c’é) con il decreto legge per la razionalizzazione della spesa pubblica (spending review).

Il Ministero, per andare incontro alle famiglie, ha previsto che le scuole, sia quelle destinatarie delle domande sia quelle di provenienza, offrano un servizio di assistenza a coloro che non possiedono, a casa propria, un collegamento internet o che hanno poca dimestichezza con la tecnologia. Un aiuto anche da spot Rai e dalla sezione ad hoc sul portale del ministero. Il termine di scadenza per le iscrizioni è stato fissato al 28 febbraio.

Resta confermato che può essere presentata una sola domanda. In previsione di richieste di iscrizione in eccedenza, la scuola procede preliminarmente alla definizione dei criteri di precedenza nella ammissione con una delibera del Consiglio di istituto. A questo proposito viale Trastevere sottolinea che l’eventuale adozione del criterio dell’estrazione a sorte rappresenta, ovviamente, l’estrema “ratio”. Nulla è mutato per quanto riguarda la scelta dell’insegnamento della religione cattolica e delle attività alternative.

I singoli istituti curano la redazione del proprio modulo di iscrizione che è strutturato in una parte generale, uguale per tutte le scuole, contenente i dati anagrafici degli alunni e del relativo nucleo familiare, e in una parte che le scuole possono personalizzare con la richiesta di informazioni specifiche, attinte da un ampio elenco di voci predefinite o aggiunte dalla scuola. Dopo averlo predisposto, il modello della domanda sarà reso disponibile alle famiglie attraverso l’applicazione internet “Iscrizioni on line” a cui si può accedere dal sito web del ministero.

Le famiglie per poter effettuare l’iscrizione on line devono individuare la scuola che interessa, compilare la domanda in tutte le sue parti, registrarla e inviarla alla scuola di destinazione attraverso il sistema “Iscrizioni on line”, raggiungibile dal sito del ministero o, preferibilmente, dall’indirizzo web www.iscrizioni.istruzione.it in modo diretto. Il sistema “Iscrizioni on line” si farà carico di avvisare le famiglie, via posta elettronica, in tempo reale dell’avvenuta registrazione o delle variazioni di stato della domanda. La famiglia, inoltre, attraverso una funzione web potrà in ogni momento seguire l’iter della domanda inoltrata. In caso di genitori separati o divorziati, se l’affidamento non è congiunto, la domanda d’iscrizione presentata on line deve essere perfezionata presso la scuola entro l’avvio del nuovo anno scolastico.

Sono confermati gli “anticipi” cioé la possibilità di iscrivere i bimbi a 2 anni e mezzo alla materna e a 5 anni e mezzo alla primaria. Fatta salva la disponibilità di posti. Incerto, invece, il destino delle sezioni primavera (quelle che accolgono i bimbi fra 2 e 3 anni): “Poiché al termine dell’anno scolastico 2012/2013 viene a scadere l’accordo in Conferenza unificata sulle sezioni primavera, si fa riserva di fornire indicazioni in merito alle iscrizioni per l’anno 2013/2014 non appena sarà siglato il nuovo accordo”, spiega il Ministero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)