Per vedere le interviste video cliccare in basso a destra.

BARTOLOMEI Ringrazio i tifosi, 4797 paganti, per l’entusiasmo sentito come società questa settimana, a loro il ringraziamento più grande. Volevo fare i complimenti al San Cesareo che ha dimostrato di essere una squadra forte, sono stati un po’ sfortunati, però meritavano più loro che noi.

Oggi non eravamo i soliti, qualche giocatore era in condizione diversa dal solito, e abbiamo reso meno.

Il pareggio è un segnale fondamentale, sullo 0-3 a livello psicologico non era facile, aver pareggiato è un risultato eccezionale. Voglio ringraziare i giovani, Djibo, Carpani e Camilli, che hanno dato qualcosa in più. Siamo stati fortunati, è vero.

La partita di andata non fu una bella gara, adesso siamo rimasti primi ed è un segnale forte a livello psicologico per entrambe le squadre, perché in settimana saremo ancora tranquilli.

Per 70 minuti hanno giocato soltanto loro, io come dirigente della Samb posso capire che il San Cesareo abbia decurtato gli stipendi, perché questo è un campionato che ammazza.

Sullo 0-3 pensavo che avevamo giocato male, ma a volte la fortuna si ricorda di noi.

 

FERAZZOLI Fare una partita come la nostra fino a 20 minuti dalla fine e arrivare sul 3-0 è chiaro che da fastidio, sicuramente all’inizio avremmo firmato per un pareggio a San Benedetto, e infatti così è. Avevo chiesto ai ragazzi una partita di personalità, per mettere in campo le nostre caratteristiche. Negli ultimi 20 minuti c’è stata la reazione di una grande squadra. Noi all’inizio siamo partiti per stare sulla vetta del campionato, anche se non eravamo i favoriti. Noi interpretiamo le partite in un certo modo e quello che stiamo ottenendo non ce lo ha regalato nessuno.

C’è qualcosa che dobbiamo verificare, posso dire che i ragazzi hanno giocato alla grande con un piglio davanti ad un pubblico eccezionale, lavoreremo su quei 20 minuti finali.

Ai ragazzi sul 2-0 avevo detto che ci aspettavano 50 minuti di battaglia, una volta preso il gol del 3-1 le cose sono cambiate. Con il Termoli ci mancavano 5-6 giocatori importanti, e questo ha pesato. È possibile che anche altre squadre si inseriscano nella lotta di testa, io Ancona non la escluderei ancora, il Termoli l’abbiamo visto.

Gol su palle ferme? Era accaduto in precedenza, eravamo migliorati, poi la Samb quando porta in area 4-5 saltatori importanti può far male, qualche giocatore è stato distratto ne parlerò negli spogliatoi.

Dopo il 5-0 di domenica avevo qualche timore per oggi, ma vista la risposta sul campo non ho dubbi che il San Cesareo non mollerà. Abbiamo cercato di bloccare Napolano e altri giocatori della Samb.

PALLADINI Mi preme dire che per come è arrivato questo pareggio abbiamo quasi vinto, 3-0 a 20 minuti dalla fine contro un avversario che ha giocato alla grande, è un miracolo. Sinceramente sono un po’ rammaricato e arrabbiato per l’atteggiamento di quei 70 minuti iniziali. Ci mettevano in difficoltà con La Rosa che ha fatto il terzino destro, solitamente fa il centrocampista, e così Napolano andava troppo in mezzo e loro facevano 2 contro uno con La Rosa e Siclari sulla destra. C’è da dire che i tre gol sono stati i nostri tre regali, hanno fatto belle azioni ma i gol sono stati la nostra sagra degli errori. Il San Cesareo meritava di vincere, ma il loro portiere su Napolano ha fatto due belle parate, sull’1-0.
L’atteggiamento non mi è piaciuto.
Shiba non ha fatto bene come altre volte, anche se in settimana l’avevo visto bene, ma anche altri hanno giocato sotto tono. Come giudico il San Cesareo? La squadra che temo di più è la Samb, perché se abbiamo dei cali di concentrazione rischiamo molto. Pazzi in panchina? Al momento non è al meglio fisicamente.
La gara di andata fu una partita brutta, entrambe le squadre giocarono male, loro pareggiarono allo scadere su rigore.
Scartozzi e Onesti? Non ho avuto tempo di prepararli, perché giocano sempre uno in alternativa all’altro, Traini ci avrebbe dato profondità e inserimento. Onesti pur con qualche errore ha dato qualcosa in più. Oggi sono venuto meno i giocatori cardine di questa squadra.
Aquino? Ha risentito di due errori che hanno consentito agli avversari di andare in gol. L’ho scelto anche perché è alto e bravo sui calci piazzati. Ma non penso sia il singolo che abbia fatto male.
Domenica ci mancheranno Pazzi e Napolano, ma ci prepareremo a dovere. Forgione l’avevo visto molto ispirato in settimana, è un giocatore che dà imprevidibilità, ma anche oggi ha fatto meno come altri di quello che mi attendevo.
Per noi è un risultato importante, averla pareggiata è come una vittoria, ma c’è ancora tanto da lavorare. Possiamo fare molto di più di quello che facciamo, a volte rischiamo di essere più superficiali, questo oggi mi ha dato fastidio. Se noi ci specchiamo commettiamo l’errore più grosso, se oltre la qualità non mettiamo cattiveria non basta.
Djibo? Serve del tempo per inserirsi bene, ma è vero che in questa settimana Carminucci non l’abbiamo mai avuto, perché ha fatto 5 partite in una settimana con la Nazionale, quindi oggi non era pronto.
Pazzi? Non credo che sia abbattuto perché era in panchina, anche se è stato espulso, ma il regolamento dice che il giocatore della squadra di casa non può impedire al giocatore che ha segnato di prendere la palla.
L’ho visto un po’ in affanno dopo la sosta natalizia. Pazzi se è in condizione è l’attaccante titolare della Samb.

MARINI Il mio gol ci ha fatto riprendere la partita, per noi è come una vittoria. Oggi abbiamo commesso molti errori sui gol, abbiamo concesso troppo, ma non volevamo uscire sconfitti davanti a questo pubblico. Abbiamo cercato con tutte le forze di pareggiare dopo il 3-1. Dobbiamo fare tesoro degli errori commessi, domenica prossima non sarà facile con l’Angolana.
Una partita del genere ci danno soddisfazione visto il risultato pesante della prima ora di gioco, ed energia positiva per la settimana. Così ci crederemo sempre.
Il primo gol viene su autorete di Scartozzi ma anche un errore complessivo della squadra facendoci prendere con la ripartenza. L’appoccio alla partita era totalmente errato, purtroppo fisicamente e mentalmente stiamo bene, abbiamo commesso un errore. I gol subiti oggi nascono da nostri errori.
Quando ho segnato ho aspettato un secondo prima di esultare, perché temevo che potesse essere accaduto qualcosa.

DJOBO Avevo sognato il gol in settimana, quindi è stata una gioia grandissima. Il mister mi sta aiutando per migliorare sulla fase difensiva. Giudico la mia partita sufficiente, male nel primo tempo, mentre nel secondo tempo mi sono aggiustato. Nel primo tempo gli avversari erano molto preparati, e anche io sono andato in difficoltà. Pressavo alto per aiutare più la squadra.
Noi abbiamo pensato di segnare il primo gol, sapevamo che poi sarebbe cambiata la partita. Se mi aspettavo un pubblico del genere? Beh, me lo immaginavo, in settimana mi sono visto dei video su YouTube.

BARBETTA Vero, belle parate ma il terzo gol non è stato bello a vedersi. Per me questa è una vittoria, non un pareggio: è un segnale forte, il gruppo c’è ed è compatto, adesso pensiamo a domenica prossima. Siamo anche stati sfortunati, a partire dall’autogol di Scartozzi, al quale dedico questo pareggio. Anche se hanno avuto tante occasioni, i loro gol sono stati un nostro regalo. Anche i risultati ci hanno aiutato. Questa per noi è una vittoria contro una grande squadra con valori importanti. Oggi mancava anche Traini che in questo momento è un giocatore fondamentale, di sostanza. Il San Cesareo oggi ha fatto la sua partita e noi non abbiamo imposto il nostro gioco. Questo gruppo c’è.
Sono arrabbiato perché non avevamo mai subito tre gol, e dobbiamo essere più concentrati.

ZOBOLETTI Non ricordo mai una cosa del genere, di recuperare tre gol così. Io non venivo qui da tempo, questo pareggio mi ha tolto qualche hanno di vita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.268 volte, 1 oggi)