SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In casa Samb arrivano rinforzi. Non si tratta di nuovi giocatori ma di aiuti economici che potrebbero alleggerire i costi di questo campionato. E’ stata annunciata nel pomeriggio di martedì 15 gennaio la nascita di una collaborazione tra la dirigenza rossoblù e l’imprenditore sambenedettese Adriano Maroni.

Il presidente Pignotti ha voluto subito precisare: “La società resta così com’è e tale sodalizio sarà prettamente lavorativo. Ringrazio personalmente Maroni in quanto è stato l’unico in questa città ad averci dato un aiuto concreto. Nessun’altro, tra albergatori e altre associazioni, si è fatto carico di ciò”. Ad illustrare le caratteristiche dell’imminente progetto è stato l’imprenditore stesso: “La prima fonte di guadagno è nel risparmio. Proprio per questo motivo installeremo dei pannelli fotovoltaici nella parte ovest della tribuna. Questo garantirà un risparmio energetico sui consumi di acqua, luce e gas. Prevediamo di realizzare un impianto che vada dai 250 ai 300 chilowatt che permetterà di risparmiare dai 50 ai 60 mila euro”.

“I lavori – ha proseguito – dovranno terminare entro il 31 marzo. Il vincolo di tempo mi preoccupa ma noi ci proveremo comunque. Proprio per questo stiamo ragionando con una società molto veloce, la Camilletti, che ha già collaborato con il Grottammare Calcio. Non sono ancora in grado di rivelare i costi di tale progetto perché dobbiamo ancora fare un sopralluogo ma posso dire con certezza che questa è un’occasione che San Benedetto non può perdere. Mi sto affidando a persone serie e professionali e se tutto va come deve andare per il primo marzo saremo in grado di partire con i lavori”.

I sostegni non terminano qui:  l’imprenditore infatti ha dato un contributo di 10.000 euro per una sponsorizzazione del settore giovanile. “Non metteremo in campo nessun marchio – ha spiegato Maroni – ma apporremo sulle maglie dei ragazzi il nome di un prodotto che abbiamo in catalogo chiamato Dibavat.  Noi non percepiremo un solo centesimo da tutto ciò ma lo facciamo esclusivamente per dare una mano”.

E il progetto stadio? “Ho delle idee in merito ma ci ragioniamo a fine campionato. Questa struttura deve essere gestita diversamente”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.662 volte, 1 oggi)