MARTINSICURO – Sistemazione di approdo e area portuale e riqualificazione della passeggiata. L’amministrazione Camaioni stila un elenco di interventi con cui dare un nuovo volto al lungomare di Martinsicuro e Villa Rosa.

“Sappiamo bene che non occorre inventarsi soluzioni particolarmente fantasiose o avveniristiche – si legge in una nota – ma occorre lavorare per stralci funzionali, facendo leva sugli accordi di programma e prendendo spunto dagli aspetti più funzionali alla nostra realtà che caratterizzano anche i centri costieri vicini a Martinsicuro”.

La riqualificazione parte a nord con la sistemazione dell’area portuale, che dovrebbe essere conclusa prima dell’estate. Si tratta di una serie di interventi volti a regolamentare la zona e a renderla più fruibile ed ordinata. Il centro polifunzionale e l’area circostante saranno recintati, per consentire l’accesso ai soli addetti ai lavori ed evitare che la zona sia soggetta, come già accade, a scarichi abusivi di spazzatura da parte di incivili o a bivacchi di persone poco raccomandabili. Saranno inoltre regolamentati i servizi di acqua ed energia elettrica all’interno del centro, e si porrà particolare attenzione alla pulizia della spiaggia, che viene effettuata sia dai mezzi meccanici del Comune, sia dai pescatori, ciascuno per il proprio spazio di competenza. A tal proposito, con il nuovo bando che rimodula l’assegnazione dei box all’interno dello stabile (con un abbassamento del canone di affitto da 450 a 380 euro e la possibilità di prendere anche un secondo box allo stesso prezzo) sembra che saranno destinati ad aumentare gli spazi assegnati. Oltre ai 6 box già affittati (su 36 disponibili) sono arrivate in Comune altre 5 domande, di cui alcune per due locali. Considerando che i termini di scadenza sono fissati al 31 gennaio (eventualmente prorogabili, secondo le intenzioni del Comune), si presuppone che si possa arrivare ad assegnare almeno 15-18 box. Un incremento che porterebbe alla rivitalizzazione di una struttura finora sfruttata pochissimo e che quindi potrebbe costituire  un’ulteriore risorsa per la pesca e l’economia truentina. A partire da novembre 2013 inoltre, scaduti i termini entro cui lo stabile non può essere soggetto a variazione di destinazione d’uso, i locali del centro potranno essere aperti anche ai diportisti (attraverso apposito bando).

Più complessa invece appare la riqualificazione del lungomare, dove il restyling a cui pensa l’amministrazione Camaioni è a 360 gradi: dagli arredi urbani alla vegetazione, dall’illuminazione all’aumento dei servizi per sport e tempo libero.

“Occorre rimodulare gli spazi adibiti a marciapiede – afferma Camaioni – attraverso il posizionamento di una pavimentazione più idonea ad una località turistica; si lavorerà per ampliare gli spazi destinati alla pista ciclabile e per rinnovare l’arredo urbano, iniziando dalle panchine e dalla pubblica illuminazione, che va resa più efficiente e funzionale, prevedendo sia la sostituzione dei lampioni attuali che il posizionamento di faretti di superficie. Si pensa, inoltre, ad abbellire il patrimonio arboreo e a sistemare fontane decorative lungo la passeggiata. Riteniamo anche necessaria la sostituzione della siepe (ormai non più presentabile) con un muretto a mattoncini quanto meno nei tratti centrali di Martinsicuro e Villa Rosa. La porzione compresa tra i campeggi di Martinsicuro e la prima rotonda di Villa Rosa dovrà, a nostro giudizio, essere oggetto di interventi mirati che, con il coinvolgimento dei privati (accordi di programma), tengano conto della possibilità di insediare servizi per lo sport ed il tempo libero nella fascia compresa tra il lungomare attuale e la strada parallela che pensiamo di prevedere in sede di rivisitazione del PRG e che porteremo a compimento, come indicato nelle proposte di variante presentate a suo tempo. Questi propositi dovranno armonizzarsi con l’obiettivo di definire i comparti turistici, andando a prevedere strutture leggere, a bassa cubatura che, insieme all’insediamento di aree verdi ben curate potranno dare alla nostra città un’immagine turistica di ottimo livello”.

Sulla riqualificazione del lungomare Camaioni però non si sbilancia sulla tempistica degli interventi: se cioè alcuni lavori, perlomeno quelli meno impegnativi dal punto di vista economico, partiranno già nei prossimi mesi, per avere in estate le prime migliorie sul lungomare, oppure se ci sarà un rinvio alla stagione 2014. Tutto dipenderà dalle risorse a disposizione nel bilancio, che l’amministrazione conta di approvare la prossima primavera.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 796 volte, 1 oggi)