Riviera delle Palme: Errera E, Pompei S, Talamonti D 1, Fanesi A, Marconi M, Mazza A, Olivieri F, Paci G, Piccinini D, Aureli R 1, Cannella I, Rosetti N 1.

All. Di Battista A.

Futsal Campiglione:
Graziani R, Costanzi M, Santoni C, Beato P 1, Ottaviani G, Pierini G 1, D’Angelo V, Scaloni M, Paoloni C.

All. Broda M.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Torna in campo dopo la sosta natalizia, la Tecno, impegnata nella seconda giornata del girone di ritorno contro un ostico Futsal Campiglione che già all’andata aveva fermato i rivieraschi sul pari all’ultimo istante di gioco.

Inizio di gara molto tattico, con le due squadre che provano ad impostare le proprie manovre senza grande costrutto. L’equilibrio viene interrotto da Aureli, che sfruttando uno schema di calcio di punizione beffa il portiere ospite con una girata repentina. La prima frazione di gioco si chiude senza tante emozioni ma con la Tecno in vantaggio.

Nella ripresa la musica non cambia più di tanto. Il Campiglione avanza il proprio baricentro, iniziando a creare problemi alla retroguardia rivierasca. Una veloce ripartenza, cogliendo alla sprovvista la retroguardia locale, permette agli ospiti di pareggiare. Prima di ciò la Tecno aveva divorato due clamorose palle goal con Cannella (entrambe a tu per tu con il portiere avversario). Nel frattempo il direttore di gara, diventa protagonista dell’incontro, iniziando un personale “show dei cartellini” (la partita, fino a quel momento, si era svolta nei binari della massima sportività).La prima a farne le spese è la Riviera delle Palme, che nell’arco di pochi istanti prende ben cinque gialli di cui uno doppio, che costerà il rosso a capitan Mazza (una semplice esclamazione come “e no!” gli è costato un cartellino), nonché l’allontanamento di un dirigente in panchina.

In inferiorità numerica i sambenedettesi reggono l’urto dei fermani riuscendo, una volta riacquisita la parità, a portarsi in vantaggio ad otto minuti dalla fine del match, con Rosetti, abile a difendere la sfera e depositarla in rete.I campofilonensi, sfruttando un errata ripartenza in contropiede dei padroni di casa agguantano il pari, ma poi subiscono anche loro la “furia arbitrale” che gli costa l’inferiorità numerica a due minuti dalla fine del match.La Tecno sfrutta il vantaggio numerico andando a segno con un gran tiro dalla trequarti di Talamonti. Il finale concitatissimo vede gli ospiti reclamare per un penalty non dato ed Errera salvare il risultato grazie ad un grande intervento.

Nonostante una prestazione rivedibile i sambenedettesi escono dal campo con tre punti in tasca e con la testa fissa al prossimo appuntamento fuoricasa, contro l’ostica Magica in quel di Folignano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 210 volte, 1 oggi)