SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un documento condiviso che fa discutere. Perchè in realtà, all’uscita dalla riunione di maggioranza di martedì scorso diversi sarebbero stati i malumori. “Ci mancherebbe, avanti col sindaco e fiducia nella sentenza d’Appello”, avrebbero pensato in molti, ma al contrario non tutti avevano mostrato convinzione nel porre la firma su un comunicato che attestava la bontà della scelta politica fatta dal centrosinistra. I più dubbiosi? I nuovi, quelli che nel Gaspari-uno non sedevano in Consiglio Comunale.

Chi all’epoca c’era – e ruppe col sindaco anzitempo – è Daniele Primavera, che oggi tuona: “Siamo di fronte ad un fallimento indiscutibile e lo fanno passare come un successo di coalizione. La sentenza fa clamore; non contesta l’incarico all’architetto Zazio, bensì prova che il suo lavoro non ha prodotto niente. C’è la somiglianza con l’operato dell’amministrazione Martinelli, che però il progetto l’aveva parzialmente buttato giù”.

Secondo il coordinatore provinciale di Rifondazione Comunista, affiancato dal segretario locale Gabriele Marcozzi, non vi sarebbe un gioco di squadra alla base dell’unione sponsorizzata in queste ore ai media da parte del sindaco. “Decide uno, gli altri si aggregano. Non avrei voluto parlare, ma mi aspettavo un atteggiamento più maturo”.

Parte del veleno finisce agli esponenti di Sinistra Ecologia e Libertà, che ai tempi degli incarichi esterni varati dal primo cittadino criticarono aspramente tali decisioni. Non solo, ricorda come i traguardi citati dai capigruppo nella comunicazione si siano o arenati o trovati dinanzi a varie complicazioni.

Il ricorso alla Zazio fu pertanto promosso “in quanto Gaspari ci disse che esisteva la necessità di procedere con un Prg, aggiungendo che le alternative sul campo erano inappropriate. Non era compito nostro contestarlo; più che pretendere che fosse realizzato non potevamo fare”.

“MANCA LA LEGGE REGIONALE? UNA SCUSA” Primavera smentisce infine Giulietta Capriotti, che lamentava l’assenza di una norma regionale che guidasse i singoli comuni per la relazione del Piano Regolatore: “Jesi nel frattempo l’ha fatto. Si trova nelle Marche, o sbaglio?”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 454 volte, 1 oggi)