ACQUAVIVA PICENA – Sette mesi per comprendere Acquaviva Picena dal di dentro. Sì perchè per Pierpaolo Rosetti molto è cambiato da quando gli elettori gli hanno concesso la fiducia per guidare il paese. “L’esperienza  dei primi tempi ha evidenziato alcuni aspetti  della pubblica amministrazione che dall’esterno non sono visibili e non sono conosciuti dai cittadini”, ammette. Colpa di una “burocrazia eccessiva” e di una “mancata semplificazione dei processi di gestione, con la conseguente necessità di dover far fronte a tanti adempimenti con strutture sottodimensionate”.

Adesso però tutto è più chiaro e le valutazioni sono parzialmente mutate: “Comprendo come spesso la lentezza nell’azione non è conseguenza di una mancanza di impegno, ma è legata alla necessità di rispettare procedimenti lunghi, la cui violazione espone facilmente a responsabilità, senza dimenticare la ormai cronica mancanza di mezzi ed una evoluzione normativa a dir poco caotica”.

Sindaco, siamo entrati nel 2013. Che anno sarà?

“Sarà un anno delicato e molto impegnativo, sia perché molte sono le aspettative su quanto sarà in grado di fare la nuova amministrazione, sia perché molti sono i punti messi in programma, soprattutto per porre le basi di un risveglio di Acquaviva”.

Ha in serbo delle novità?

“Sì, avverranno graduali e significativi cambiamenti. A partire dal piano del traffico, dalla  realizzazione di un programma unico delle manifestazioni con novità rispetto agli eventi tradizionali, in stretta relazione alla approvazione di un regolamento ad hoc, dalla necessaria instaurazione di collaborazioni con altri Comuni e dall’avvio della raccolta porta a porta spinto”.

A proposito del porta a porta spinto, quale sarà la tempistica del progetto?

“L’amministrazione  sta valutando la proposta elaborata dalla Picenambiente, ritenendo necessario un esame ponderato dei costi che, inevitabilmente subiscono un incremento, anche dovuto agli aggiornamenti istat, in ragione dell’introduzione della nuova tares, i cui criteri di calcolo sono imposti dalla legge e che dovrà garantire la copertura totale del servizio, oltre i servizi di illuminazione e manutenzione stradale. L’obiettivo dunque è quello di avviare il sistema di  raccolta porta a porta spinto entro la primavera, iniziando la rimozione dei cassonetti e procedendo a riunioni informative”.

Il Natale è passato da poco. Come valuta l’operato delle associazioni in occasione delle ultime festività?

“Ringrazio tutte le associazioni  che si sono impegnate nella realizzazione delle manifestazioni natalizie, tuttavia le invito al contempo, insieme anche alle attività commerciali e ricettive, a fare fronte comune nell’interesse del paese. Questo clima ancora non c’è e, se pure  non ci illudevamo di crearlo in pochi  mesi, l’amministrazione ha posto le basi, attraverso alcune riunioni, per creare uno spirito comune tra le associazioni e le varie attività commerciali”.

Quanto è preoccupato in vista dell’esame del Bilancio 2013?

“L’amministrazione  affronterà quanto prima l’argomento, con tranquillità, non essendo presenti motivi di preoccupazione se non quelli che credo vivano tutti i Comuni in conseguenza dei continui tagli ai trasferimenti. La  preoccupazione, intesa come impegno per realizzare gli obiettivi che ci siamo prefissati, sarà quella di avere una particolare attenzione sia per la situazione economica delle famiglie, sia per la necessità di dare sostegno anche alla ripresa economica. Essenziale  nella preparazione del bilancio sarà garantire  il massimo risparmio possibile”.

Come valuta l’atteggiamento dell’opposizione in Consiglio Comunale?

“Al  momento è ancora presto per dare valutazioni concrete sul comportamento dell’opposizione  che, comunque, ha dato piena disponibilità a collaborare nell’interesse del paese”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 576 volte, 1 oggi)