MONTEPRANDONE – Dopo il successo degli anni scorsi il Comune di Monteprandone ripropone l’esperimento degli “orti urbani”, che si stanno diffondendo anche in tutta la provincia.

Lo scopo è quello di contribuire al recupero alla vita sociale ed attiva della popolazione, e dunque l’Amministrazione intende assumere direttamente la disponibilità di uno o più appezzamenti di terreno ubicati sul territorio comunale, da destinare ad uso “orti urbani”. L’ente comunale intende verificare la disponibilità di privati o enti, proprietari di appezzamenti di terreno, da offrire all’Amministrazione per le finalità di carattere sociale cui la suddetta area verrà destinata.

Gli elementi valutativi in ordine alla idoneità dell’area alla destinazione funzionale richiesta sono i seguenti:

  • gratuità della concessione, o in subordine minor canone;
  • durata non inferiore ad anni 5, con eventuale possibilità di rinnovo;
  • ubicazione ed accessibilità
  • presenza di servizi, con particolare riferimento al servizio irriguo

In caso di pluralità di offerte, le stesse saranno valutate privilegiando i suddetti criteri, nell’ ordine sopra indicato.

Ove il proprietario manifesti sopravvenute diverse esigenze di destinazione, o dovesse venir meno l’interesse dell’ente, sarà comunque prevista la possibilità di disdetta con congruo preavviso.

Chi è interessato dovrà far pervenire la propria offerta in busta chiusa recante all’ esterno la scritta “Offerta area da adibire ad orti sociali”, entro il prossimo 8 marzo, entro le ore 13, all’ Ufficio Protocollo del Comune di Monteprandone ovvero via P.E.C.: comune.monteprandone@marche.it: l’offerta dovrà contenere una descrizione sommaria dell’area dalla quale siano riscontrabili gli elementi sopra elencati (durata, ubicazione, accessibilità, presenza di servizi ecc.) e l’indicazione della gratuità della concessione o dell’eventuale canone annuale richiesto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 364 volte, 1 oggi)