SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Clandestino nigeriano cade dal balcone del secondo piano di una casa per sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine. L’episodio è avvenuto ieri sera a Sant’Egidio alla Vibrata in un appartamento in cui si trovava l’extracomunitario di 33 anni, ospite di una famiglia di connazionali.

Nel corso della serata si è scatenata una lite tra la coppia che lo ospitava, con il marito che ha chiuso fuori casa la moglie e i due figli minori. La donna ha chiamato i vigili urbani che sono riusciti far riaprire la porta di casa al marito. Il nigeriano, alla vista degli agenti che stavano entrando nell’abitazione, per evitare controlli in quanto irregolare (nei suoi confronti era stato emesso a novembre un provvedimento di espulsione firmato dal questore di Teramo), si è chiuso in camera e ha pensato di darsi alla fuga attraverso il balcone, forse calandosi attraverso la grondaia. Nelle manovre però ha perso l’equilibrio ed è precipitato facendo un volo di circa 7 metri. Il 33enne è stato soccorso da un’ambulanza e trasportato prima all’ospedale di Sant’Omero, poi viste le gravi condizioni, al Mazzini di Teramo dove è ricoverato in prognosi riservata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 188 volte, 1 oggi)