SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Mentre arrivano le risposte, pur parziali, riguardante l’incontro del 18 dicembre scorso, il Movimento Cinque Stelle di San Benedetto non molla la presa sulla questione della centrale di stoccaggio Gas Plus. “Gaspari, l’illusionista”, scrivono i cinquestellati: “Questa amministrazione ha nascosto per ben tre mesi la notizia sullo stoccaggio gas, guarda caso in concomitanza con le passate elezioni comunali del 2011: non hanno fatto il loro dovere in merito all’informazione”.

“Se nel novembre 2011 alcuni cittadini del Cinque Stelle non si fossero recati dal Prefetto, il progetto sarebbe stato accolto e approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico il 1° dicembre di quello stesso anno. Ben altra storia rispetto a quella che spudoratamente viene oggi raccontata” si legge nella nota.

“Fin dal primo incontro pubblico che si svolse nella palestra dell’Agraria fummo sempre noi cittadini Cinque Stelle a chiedere un necessario approfondimento/studio della documentazione tecnica, ma questo invito fu letterlamente dimenticato. Dopo sei mesi, chiedemmo una indagine ambientale, ma ricevemmo un ulteriore rigiuto da parte di Gaspari, ma dopo esserci rivolti alla stampa l’amministrazione decise di affidare ai tecnici di Terre.it l’incarico di studiare e valutare i rischi e pericoli di questa realtà industriale” scrivono, aggiungendo: “In quanto alla commissione capeggiata dal professor Cappelli e al gruppo vacanze in quel di Minerbio, non possiamo che ribadire ciò che la crudele evidenza del terremoto in Emilia ha svelato: non c’è niente di sicuro. Per non parlare dei sette mesi di fermo deposito presso gli uffici della Regione Marche dei documenti Gas Plus contenenti i riscontri delle osservazioni della commissione, di Terre.it, della nostra relazione tecnica”.

Il comunicato si conclude con una polemica nei confronti del sindaco Gaspari: “e questo progetto, dopo aver visto la luce, sarebbe morto sul nascere e non ci sarebbe stato spazio per tutte le ambiguità e ombre che, contro la volontà della maggior parte dei cittadini, continuano a gravare”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 578 volte, 1 oggi)