SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Creare un gruppo, nel quale nell’arco di alcune settimane riescano a convivere bambini di età, abilità ed aspirazioni differenti, per vivere l’esperienza estiva in spazi dove poter far emergere la propria predisposizione motoria o artistica. E’ l’idea di San Beach, l’associazione dilettantistica sportiva senza scopi di lucro che intende accomunare il concetto di sport a quello di turismo.

“In questo modo, i minori nel periodo di vacanza potrebbero divertirsi grazie ad una proposta articolata”, spiegano i promotori Gaetano Mirabilia e Giulia Cerisoli. Quest’ultima offrirebbe l’esperienza maturata da tecnico federale di pallamano.

Testimonial dell’iniziativa è Maurizio Compagnoni, convinto dalla bontà del progetto: “Il fatto di coinvolgere i più piccoli è una grande idea. Una scelta eccellente per il turismo sambenedettese”.

L’obiettivo è quindi concedere un’alternativa ai ragazzini, come specificato dall’assessore allo Sport, Marco Curzi: “Come Comune metteremo tutte le forze necessarie per portare avanti questa attività”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)