MONTEPRANDONE –  Donna di 65 anni è rimasta vittima di un gravissimo infortunio sul lavoro a Mnteprandone.

L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata del 21 dicembre  in contrada  San Donato, zona agricola che si trova ai confini con il territorio di San Benedetto.

La signora R. T. è stata operata d’urgenza all’ospedale di San Benedetto, nel pomeriggio è stata trasportata all’ospedale Torrette di Ancona in prognosi riservata.

Sulla dinamica dell’incidente agricolo, sono in corso accertamenti, ma da quando è emerso in un primo momento, gli abiti della donna sarebbero stati agganciati dal giunto cardanico di un attrezzo agricolo collegato al trattore. In pochi attimi la donna è stata preda di un terrificante scuotimento che le ha provocato lesioni, fratture, contusioni e ferite in tutto il corpo, in modo particolare al torace ed all’addome.

Nonostante tutto,  la donna si è in qualche maniera  è riuscita a liberarsi e a chiedere aiuto ai familiari.

I soccorsi sono stati rapidi. I familiari hanno chiesto aiuto al 118 di Ascoli, i cui sanitari hanno inviato sul posto un’equipe della Potes di San Benedetto che ha trasportato la malcapitata al Pronto Soccorso. Sottoposta ad accertamenti diagnostici, oltre alle fratture ed alle contusioni, è emersa una emorragia interna che ha richiesto l’immediato intervento chirurgico, al termine del quale la sessantacinquenne è stata ricoverata nel reparto di Rianimazione, dove i medici l’hanno stabilizzata prima di trasferirla all’ospedale regionale Torrette di Ancona.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.276 volte, 1 oggi)