SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Quasi 200 espositori per quattordici ore ininterrotte di mercato, con la speranza che il meteo faccia la sua parte. E’ la Fiera di Santa Lucia, in programma come da tradizione per il prossimo 13 dicembre. “E’ una manifestazione centrale per il commercio sambenedettese, il Comune ci punta molto”, afferma l’assessore alle Attività Produttive, Fabio Urbinati. “Il mese di dicembre ha sempre rappresentato vivacità, visto che che gran parte degli acquisti si concentrano in questo periodo”.

La Fiera di Santa Lucia interesserà quasi tutta la città, con ben nove punti coinvolti: Piazza San Giovanni, Garibaldi e Matteotti, la Rotonda Giorgini, Via Paolini e Montebello, oltre che a Viale Colombo e Moretti. Gli stand ospiteranno dai prodotti alimentari a quelli artigianali, passando per piante, fiori e animali. Spazio anche per le associazioni no-profit e per l’animazione, affidata quest’anno al Circo Takimiri che porterà in scena il Christmas Show.

La spesa per l’amministrazione comunale si aggira attorno ai 2 mila euro. “Il saldo sarà positivo – spiega Urbinati – in considerazione degli incassi che deriveranno dall’occupazione del suolo pubblico degli stand. Una cifra che investiremo per altri eventi in sostegno del commercio. La crisi in tal senso sembra non aver provocato danni. Rispetto al 2011 ci sono arrivate più domande di partecipazione. Ne siamo soddisfatti”.

La Fiera è una delle ricorrenze più antiche di San Benedetto. A provarlo un vero e proprio reperto recuperato da Gianni Brandozzi, che testimonia come già nel 1841 il mercatino di metà dicembre illuminava le vie della città. “E non è detto che fosse il primo anno – aggiunge l’assessore – probabilmente è addirittura più antica”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 618 volte, 1 oggi)