Fine settimana all’insegna del rugby a Castel di Lama, ospiti nell’impianto dell’Eco service si sono svolte ben quattro partite di altrettante categorie: Old, Under 14, Under 20 e seniores campionato Elite.

Filo conduttore di questa due giorni è il consolidamento tra il rugby piceno e l’ADMO, associazione onlus dedita alla donazione del midollo osseo nella quale militano due rugbisti come Nazzareno Viviani e Pierpaolo Spina ancora in attività agonistica. Lo scopo è quello di sensibilizzare sempre più i giovani ed avvicinarli a questa associazione che, insieme all’Avis, si adoperano per aiutare sempre più persone, le quali  hanno bisogno di un trapianto di midollo per guarire da malattie come leucemia , linfomi o hanno bisogno di trasfusioni di sangue.

Tutto è iniziato sabato pomeriggio le compagini Old dei Beerbanti e quelle dell’Avezzano si sono incontrate in un’amichevole, la terza di quest’anno. Una bella partita maschia finita con un bel pareggio, che ha accontentato tutti accompagnando le due compagini al terzo tempo. L’incontro è stato preceduto da un minuto di silenzio dedicato alla rugbista dell’Avezzano che in settimana è venuta a mancare a causa di un incidente stradale.

Domenica mattina si è ripartiti alla grande con un’incontro internazionale: Legio Picena Rugby-Titano Bats della Repubblica di San Marino; le due squadre della categoria Under 14 sono scese in campo accompagnate dai due inni nazionali ed hanno combattuto sportivamente per onorare la bandiera e alla fine ne è risultata una bella partita condivisa da tutte e due le realtà. Tanta festa e, dopo la lotta sul campo, si sono ritrovati tutti davanti ad un pranzo coi fiocchi a base delle specialità del Piceno, preparato dai genitori e servito direttamente dai legionari ai compagni sammarinesi.

A mezzo giorno sono scesi in campo i giocatori Under 20 dell’Unione Rugby San Benedetto e il Pesaro. Subito si è capito che si faceva sul serio, trenta ragazzi in campo che non si sono fatti sconti. La partita inizia con i pesaresi che mettono subito la loro impronta e cercano di chiuderla il prima possibile, con i sambenedettesi che, per una buona porzione di partita, sono impegnati a respingere gli attacchi. Molto meglio nel finale con i rivieraschi che recuperano in parte lo svantaggio grazie alle mete in successione di Corradetti, Maranci, Pellei e altre due realizzazioni dello stesso Corradetti.Risultato finale 19-22 per i pesaresi.

Terza ed ultima partita quella del girone Elite che vedevano contro i Seniores dell’Unione Rugby San Benedetto contro quelli del Terni. Bella partita con i padroni di casa subito in vantaggio. Nonostante la grande pressione, i rossoblu non riescono a consolidare il vantaggio e, poco prima del riposo, subiscono una meta che porta le squadre su un risultato parziale di 3-5. Al rientro non cambia la musica, con l’Unione che detta i tempi e crea gioco ma nonostante ciò sono i ternani ad aumentare il divario segnando una nuova meta sigillando il risultato sul 3 a 10.A nulla sono serviti gli assalti dei rivieraschi i quali non sono riusciti a scardinare i coriacei umbri.

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)