MARTINSICURO – La riqualificazione di piazza Cavour argomento  di perenne dibattito politico a Martinsicuro, con il Partito Democratico che torna a porre interrogativi sul futuro del centro cittadino. L’amministrazione Camaioni pone, tra i primi interventi da effettuare in piazza, la rimozione e sostituzione del vecchio obelisco con la nuova opera realizzata dall’artista Perilli, e la demolizione del fatiscente cinema Ambra. Successivamente si dovrebbe aprire una fase di valutazione per la ricostruzione della sala polifunzionale e la riapertura al traffico della piazza, che molto dipenderanno dai fondi a disposizione. Un modus operandi che però non piace al Pd, che sulla riqualificazione del centro ha idee diverse.

“E’ pericoloso agire senza visione – afferma Andrea Buonaspeme – Il centro di una città rappresenta il cuore della comunità, il luogo di incontro per eccellenza, il biglietto da visita per il turista e no solo. Da tempo Martinsicuro ha un cuore “malato”, un centro città che non vive che non pulsa, che non è luogo di incontro, un luogo insicuro. Per noi, è certo che la soluzione non sta nel riaprire o meno al traffico la piazza, non sta neanche nello spostare l’obelisco, ma sta in una pianificazione attenta del centro città, visto nel suo complesso che va oltre la piazza, e lo regolamenta rendendolo il più possibile sostenibile”.

Per il Pd la riqualificazione del centro passa attraverso la realizzazione di piste ciclabili, il potenziamento dell’illuminazione, una migliore manutenzione del verde, e una più accurata pulizia. Buonaspeme propone di “attuare politiche di incentivo verso i commercianti che vogliono investire nei locali presso la piazza” e di  “trasferirci uffici e servizi pubblici come l’ufficio turistico”.

Ma è sul cinema Ambra che arriva l’affondo del Pd: “Non possiamo accettare l’idea di  abbattere la struttura esistente per poi vedere cosa fare in caso di fondi – attacca Buonaspeme -. Queste sono le parole di chi non vuole cambiare. Senza una sala polifunzionale non ci sarà futuro per il centro della nostra città. La nostra idea è quella di riqualificare ripartendo dall’ex-cinema Ambra”.

E se il Pd si trova d’accordo con l’amministrazione Camaioni nel bocciare il progetto da tre milioni di euro della passata amministrazione, definito “faraonico”, suggerisce però anche di riprendere in considerazione il precedente progetto elaborato dalla giunta Maloni, che prevedeva un costo di un milione e 400mila euro. Una somma che per i Democratici sarebbe già disponibile nelle casse dell’ente: 550mila euro di mutuo già attivato dall’amministrazione Di Salvatore per lo scopo, 300mila euro di mutuo della precedente giunta per finanziare gli asfalti di alcune strade cittadine (“problema – affermano – secondario a nostro avviso”) , 450mila euro di finanziamenti Tercas, e 100mila euro di fondi comunali derivanti dalla Bucalossi.

“Possiamo arrivare alla cifra di cui abbiamo bisogno per avere la sala polifunzionale in piazza Cavour. La vogliamo o no? A questa domanda dobbiamo rispondere! Demolirla – conclude Buonaspeme – significherà avere per i prossimi anni un parcheggio, magari riapriremo la strada al traffico, e ci accorgeremo di essere tornati indietro nel tempo, ancora indietro nel tempo, senza ascoltare, come il tempo ci chiede di fare, il futuro che emerge.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 446 volte, 1 oggi)