GROTTAMMARE – I tanto attesi dati turistici. Si era parlato di un incontro a “porte aperte” per annunciare i numeri di affluenza sul territorio grottammarese nell’estate del 2012. Invece no, nel pomeriggio del 4 dicembre ci è stato detto che la comunicazione riguardante i dati di affluenza comunicati faccia a faccia con gli operatori del settore, sarebbe stata fatta alla stampa con un comunicato, il giorno seguente.

Ed ecco cosa è venuto fuori dalla riunione, a quanto pare avvenuta, nel primo martedì di dicembre, intorno alle ore 18:30.

“Le vacanze sono più brevi, ma a un soggiorno a Grottammare non si rinuncia”. Questo il commento sui dati turistici (gennaio-agosto) resi noti dalla Regione Marche e comunicati ufficialmente durante la riunione chiamata “Tavolo del Turismo”, alla quale hanno preso parte una cinquantina di operatori in rappresentanza di tutte le tipologie di strutture ricettive.

Arriviamo al punto con i dati turistici. “Quello che emerge – ha riferito l’assessore al Turismo Simone Splendiani – è che la crisi si fa sentire molto, con una riduzione delle presenze certificata dal dato regionale (-4%) in linea con l’andamento regionale del turismo. Questo, ovviamente, si traduce in meno spesa per le vacanze. Era un dato assolutamente prevedibile, anzi possiamo dire che abbiamo retto rispetto alla crisi che c’è e rispetto a quanto riscontrato in altre località: l’Istat registra per il primo semestre dell’anno un calo nazionale di arrivi e presenze del 7%. Possiamo dire di avere resistito e anche bene”.

“Il dato fortemente positivo – prosegue l’amministratore – è invece l’aumento degli arrivi. La crisi si fa sentire, ma Grottammare mantiene una sua appetibilità (+2%). La permanenza media è diminuita per fattori legati alla crisi economica e per una tendenza mondiale a ridurre i giorni di viaggio, ma il numero di turisti è aumentato: è come aver guadagnato quote di mercato, cioè più persone hanno avuto modo di conoscere questa destinazione”.

“Vale la pena di sottolineare che si tratta di dati certificati. Storicamente, fino al 2010, veniva aggiunta una quota di dati stimati a quelli desunti dalla schedine degli operatori. Dati peraltro non confrontabili con altre regioni italiane. Dall’anno scorso, l’Istat ha invitato la Regione Marche ad adeguarsi. Questo ci permetterà di fare programmazioni più realistiche”.

L’attenzione si è concentrata anche sul portale del turismo, inaugurato i primi di luglio, con 4mila e 700 visite nei mesi di luglio e agosto di cui la maggioranza è da addebitare a visite esclusivamente nazionali.

Si è parlato anche di Grande Opera, Anima. Gli amministratori locali, infatti, stanno preparando un percorso di coinvolgimento con gli operatori del settore turistico affinché loro stessi partecipino per la creazione di un piano condiviso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 327 volte, 1 oggi)