GROTTAMMARE – Un “tessuto-non tessuto” compre di nuovo le palme di Grottammare. Continua la lotta al punteruolo rosso, che affligge da anni il lungomare di Grottammare, nel cercare di recuperare le piante malate. Dopo l’ormai classica “potatura a corolla” che toglie tutto il fogliame, alcuni elementi sono stati “incappuciati“.

La motivazione l’affidiamo alle parole del sindaco Luigi Merli, da noi raggiunto al telefono: “Cerchiamo con questo metodo di aumentare la temperatura interna di 4 gradi. Il tessuto-non tessuto che avvolge la pianta serve a creare una condizione climatica che favorirebbe il recupero della palma malata. Questo è formato da forellini ma diventa impermeabile grazie all’umidità  tipica di questo periodo che gli si appoggia sopra”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 436 volte, 1 oggi)