SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una specie di virus sta attraversano le scuole italiane e quelle picene: la mobilitazione contro la riforma (o “controriforma”) Profumo si fa sentire sempre più forte. Ha iniziato il Liceo Scientifico Rossetti di San Benedetto, con una occupazione/autogestione, seguito poi dal Liceo Classico Leopardi e quindi “migrata” anche negli istituti superiori di Ascoli Piceno.

Da mercoledì 28 novembre anche l’Istituto Tecnico Commerciale Augusto Capriotti di San Benedetto è in “occupazione”: “L’iniziativa, caratterizzata da momenti di dibattito, visione di film a scopo informativo e da momenti di svago alternati alla pulizia dell’ edificio, è davvero coinvolgente e ben riuscita” ci scrivono gli studenti.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 924 volte, 1 oggi)