GROTTAMMARE – Tutti approvati i punti all’ordine del giorno dell’ultima seduta Consiliare, svoltasi nella serata di martedì 27 novembre. Con l’approvazione dell’intero Consiglio, il comune di Grottammare si è dotato di un Regolamento per l’Archivio Storico comunale, che, inaugurato nei giorni scorsi, è stato reso pienamente fruibile.

Ampia la discussione sul tema della cittadinanza ai figli nati in Italia da genitori stranieri. La proposta di assegnarla simbolicamente ai ragazzi residenti a Grottammare – avvalorando una volontà già espressa dalla giunta – ha trovato il pieno consenso dell’Assise. La cerimonia, come ha annunciato l’assessore alle Politiche Sociali, Daniele Mariani, avverrà il 10 dicembre, in occasione dell’Anniversario della Dichiarazione dei Diritti Umani (programma in corso di organizzazione).

Argomento clou del consiglio comunale è stato sul punto relativo all’approvazione della variazione di assestamento generale del bilancio di previsione 2012: “Un adempimento obbligatorio da effettuare entro la fine del mese di novembre – ha ricordato l’assessore al Bilancio Alessandro Rocchi, prima di procedere all’illustrazione dei punti salienti della proposta che in generale considera la sistemazione di vari capitoli del bilancio che si compensano tra entrate e uscite, dal momento che dopo il 30 novembre non è più possibile apportare modifiche al documento finanziario.Mi soffermerò su quelle voci che non sono veri e propri assestamenti ma nuovi accertamenti e nuove spese: come variazione c’è l’iscrizione in bilancio di 675.000 per ruoli imposte e tasse relative ad anni antecedenti al 2oo6, somma che trova contropartita come maggiore entrata nel fondo svalutazione crediti”. La legge sulla Spending review, infatti, ha imposto agli enti locali di evidenziare nei bilanci anche i crediti di dubbia esigibilità in precedenza cancellati dai conti”.

Altra voce iscritta in bilancio è riferita a una plusvalenza di 36mila 533 euro, derivante dal maggior valore della quota di partecipazione alla PicenAmbiente spa, acquisito dall’azienda nella fase di scelta del nuovo partner privato, avvenuta qualche mese fa. L’assessore Rocchi ha poi riferito che è stata superata la cifra preventivata relativa agli oneri di fiscalizzazione del Piano Casa per un importo di 20mila euro, stessa cifra il maggior provento per contributo di concessione di sanatoria edilizia, mentre è stato disposto l’aumento di 3 milioni sul capitolo relativo di anticipazione di cassa. Un impegno in bilancio a titolo cautelativo, legato alla gestione tecnica di questo specifico capitolo, ma che necessita sempre di un fondo cospicuo: “Preciso che sono diversi mesi che non siamo in anticipazione di cassa, lo facciamo solo per cautelarci. Se, in attesa delle entrate previste nel mese di dicembre, avremmo necessità di utilizzarlo avremo questa possibilità”.

“Con questa ultima variazione di bilancio – ha concluso Rocchi – vengono comunque mantenuti gli equilibri di bilancio di parte corrente obbligatori per legge”.

La discussione sul punto si è conclusa con l’intervento del sindaco Merli che ha lanciato un appello affinché il “prossimo governo politico capisca che c’è chi fa le spese allegre e chi no. I provvedimenti intrapresi negli ultimi anni sono stati incattiviti dall’attuale governo tecnico, soprattutto per quel che riguarda le situazioni della periferia. Uccidere gli enti locali significa uccidere le speranze dei più poveri perché non sono certo lo Stato o le Regioni a fare interventi su chi non ha da sopravvivere. Quell’intervento lo fanno gli enti locali e la Caritas, altro non si vede in giro”.

Il punto è stato approvato dalla sola maggioranza. Contrari sia il consigliere Mariani di Grottammare Futura che i consiglieri del gruppo Pdl, in aderenza alle precedenti votazioni relative al documento finanziario.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 154 volte, 1 oggi)