SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un cittadino sambenedettese, Giovanni Filippini, ha scritto nella mattina di domenica 25 novembre una lettera al sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari. La pubblichiamo di seguito.

Buongiorno signor sindaco , mi accingo a scriverle per l’ennesima volta sulla questione movida di via Mentana, via Palestro e via Galilei con i rispettivi locali Mentana, Ippogrifo e Bijou.

L’avrei fatto, se fossi stato mentalmente più equilibrato, questa notte ma visto lo stato di nervosismo che mi attanagliava avrei sicuramente rischiato una querela. Le confesso che era mia intenzione insieme ad altri residenti del quartiere di venire sotto casa sua ed inaugurare una nuova discoteca .

Sì perché ora non basta più orinare sotto le nostre case ,vomitare davanti ai nostri portoni, fare sesso e fumare qualche spinello: ora abbiamo aperto anche una discoteca e la cosa si ripete ormai da due sabati dove in via Palestro, in prossimità del bar Ippogrifo ,una decina di ragazzi con radio portatile mettono musica a “palla” ed iniziano a ballare.

Abbiamo dovuto ascoltare tutto ciò sino alle 4 circa quando qualcuno, stanco della situazione, ha chiamato i carabinieri e per tutta risposta si è sentito rispondere che probabilmente quando sarebbero arrivati forse la cosa era terminata.

Mi chiedo quando tutto questo possa finire, mi chiedo se anche noi in qualità di cittadini abbiamo diritto ad un riposo adeguato, mi chiedo se dobbiamo continuare ancora a subire intimidazioni, offese ed ora anche infrazioni. Perché questa notte oltretutto una signora anziana che abita al civico 29 di via Aspromonte ha subito lo sfondamento della porta della sua casa esterni.

Penso che sia utile un suo intervento considerato inoltre che la maggior parte degli avventori a prima vista risultano essere tutti minorenni.
saluti

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.970 volte, 1 oggi)