GROTTAMMARE – Un altro week end di cultura con la rassegna dell’Associazione Blow Up di Grottammare dal titolo Macerie Prime: società, culture, opportunità ai tempi della crisi.

Sabato 24 novembre alle ore 16.30, presso la Biblioteca/Mediateca Comunale di Grottammare, si svolgerà il primo di due incontri – il secondo è previsto per giovedì 29 novembre- dedicati alla “Crisi ecologica mondiale”.

Il punto di vista con il quale la crisi ecologica sarà affrontata è quello dell’ecologia profonda:  una filosofia che relativizza il ruolo e la funzione dell’essere umano nel mondo, “riconosce il valore intrinseco di tutti gli esseri viventi e considera gli esseri umani semplicemente come un filo particolare nella trama della vita”. Rientrano perfettamente in questa prospettiva i due film proposti nel pomeriggio di sabato.

il primo è “L’uomo che piantava gli alberi” di Frèdéric Back, tratto dall’omonimo libro di Jean Giono, premio Oscar quale Miglior film corto d’animazione nel 1988. Qui si racconta il mito di un uomo che tenta di riconciliare gli esseri umani con la natura, piantando alberi, adoperando le virtù misconosciute della pazienza, della laboriosità, della tenacia, seguendo un disegno forte e preciso. Un capolavoro raccontato dalla voce di Toni Servillo.

Il secondo, “Terra madre” di Ermanno Olmi, prende il titolo dal biennale Forum sull’alimentazione organizzato da Slow Food, nato nel 2004 a Torino, che si propone di ricomporre la catastrofica frattura tra uomo e natura, valorizzando il lavoro delle piccole comunità contadine di tutto il mondo.

Nel film ci sono la nostalgia della cultura contadina, l’amore per la terra e per i suoi frutti, l’infinita riproposizione del patto che lega l’uomo alla natura. Ma c’è anche la denuncia di tutto ciò che scardina l’armonia tra l’essere umano e gli altri esseri viventi, ovvero lo sfruttamento insensato delle risorse che sta consumando la vita sul pianeta.

L’ingresso è gratuito con la tessera F.I.C. 2012-2013 che al costo di soli 10 euro offre l’iscrizione all’Associazione Blow Up e l’accesso libero a tutte le iniziative della stagione fino al al 21 marzo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 94 volte, 1 oggi)