SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dai “400 colpi” di Truffaut a “Il ragazzo con la bicicletta” dei fratelli Dardenne. Quando il cinema d’autore accorre in aiuto al disagio psicologico dei minori attraverso la rassegna Raccontiamo l’infanzia che questa settimana proietterà la pellicola Il grande cocomero diretto da Francesca Archibugi.

Ideata dalla onlus Save The Children con la collaborazione della Fondazione Libero Bizzarri, la rassegna cinematografica, in programma ogni giovedì alle 21 all’Auditorium comunale “G. Tebaldini” a ingresso gratuito, si compone anche di un dibattito relativo alla tematica che si tiene sia prima che dopo la proiezione del film che per questa settimana vedrà la partecipazione della psicologa dell’Età evolutiva Ilda Pilotti.

L’appuntamento di giovedì 15 è dunque con una delle pellicole della regista romana ispirata dall’esperienza di Marco Lombardo Radice, neuropsichiatra sperimentatore di terapie innovative nella cura dei disagi psicologici dei minori, dalla quale la Archibugi ricostruisce le strategie e i percorsi terapeutici fuori dagli schemi, basati soprattutto sul paziente ascolto delle necessità dei bambini e sulla compensazione delle loro carenze affettive e vede tra il cast la partecipazione di Sergio Castellitto, Anna Galiena e Laura Betti.

La rassegna “Raccontiamo l’infanzia. Quello che l’occhio vede il cuore non lo dimentica” è iniziata lo scorso 25 ottobre e terminerà il prossimo 22 novembre con il film “Il ladro di bambini” di Gianni Amelio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 310 volte, 1 oggi)