SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Potrebbero subire uno stop i lavori per la realizzazione del ponte ferroviario. Il motivo sembrerebbe l’interruzione dei pagamenti da parte della Provincia alla ditta incaricata.

Preoccupati i consiglieri del Pd Claudio Benigni, Silvano Evangelisti e Gianluca Pasqualini: “Ricordiamo al presidente Celani che tutti gli Enti coinvolti in questo fondamentale progetto, le Regioni Marche e Abruzzo e l’Autorità di Bacino, così come Ferrovie dello Stato, hanno fatto la loro parte affinché l’opera potesse essere avviata. Ora spetta alla Provincia permettere che la stessa giunga a compimento: pagare la ditta per evitare che i lavori si blocchino e far sì che il posizionamento del monolite sotto la ferrovia si concluda entro i primi di dicembre, termine ultimo imposto da RFI affinché i lavori non subiscano un ritardo di sei mesi”

Non sono mancati gli appelli al vicepresidente  Pasqualino Piunti: “Se Piunti si attivasse per sbloccare la questione, non solo farebbe il suo dovere di amministratore pubblico ma si meriterebbe pienamente i “miseri” (così lui li definisce) 2000 euro mensili che percepisce per questo incarico – hanno sottolineato i consiglieri –  Se facesse quanto è nelle sue possibilità, non avrebbe bisogno di giustificare il suo ruolo chiedendo di rimanere sul quella poltrona anche a titolo di volontariato”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 447 volte, 1 oggi)