SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Un’infrastruttura ormai obsoleta e non più rispondente alle esigenze della città che attraverso un rinnovato arredo urbano possa ovviare allo stesso tempo l’annoso problema relativo al transito di pedoni, biciclette, motoveicoli e automobili”.

Si tratta di un estratto della lettera che il presidente del Comitato di quartiere Porto D’Ascoli centro Elio Core indirizza al primo cittadino e al direttore delle Ferrovie Luciano Frittelli chiedendo un incontro per affrontare la problematica del sottopasso di via Mare.

Sulla base delle diverse considerazioni esposte dai residenti in occasione delle assemblee pubbliche, fra cui le problematiche relative appunto al sottopassaggio considerata la scarsa visibilità per chi percorre il tratto in bici o a piedi fino alle difficoltà riscontrate dai diversamente abili e alla mancanza di un adeguato tratto di attraversamento, il presidente della delegazione propone innanzitutto un sopralluogo coinvolgendo anche l’assessore ai Lavori pubblici Leo Sestri per elaborare alcune proposte al fine di potenziare un’infrastruttura a cominciare da una nuova viabilità.

“Per questo tratto stradale – dichiara Core – è del tutto evidente l’urgenza di soluzioni tecniche condivise e adatte per favorire l’intero sistema economico e relazionale del territorio e adeguarsi alla nuova realtà rispetto ai tempi in cui venne realizzato”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 800 volte, 1 oggi)