SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora lavori in corso per trovare un punto di accordo tra l’amministrazione comunale e l’Itb Italia. L’incontro svoltosi in comune giovedì 8 novembre in seguito alla richiesta della stessa associazione, anziché portare ad un chiarimento ha infatti aumentato i motivi di contrasto tra le parti in causa.

La richiesta di poter discutere con i soggetti competenti a livello comunale avanzata dall’Itb era nata soprattutto dalla necessità di un approfondimento riguardo la procedura lunga e costosa indicata dal piano regolatore di spiaggia cittadino, in merito all’obbligatorietà per ogni stabilimento balneare di lasciare un varco di accesso all’arenile e di attrezzarsi con recinzioni conformi. Le nuove indicazioni infatti non avevano convinto gli associati, da un lato perché non previste negli obblighi predisposti dalla Regione Marche nell’attuazione della direttiva europea, dall’altro per la possibilità che si creino negli stabilimenti eventuali problemi di sicurezza, igiene e di ordine pubblico, come successo ad esempio allo Chalet Fortuna che è già stato soggetto di atti vandalici.

I problemi sono sorti nel momento in cui è stata negata la possibilità di estendere la discussione a tutti i membri dell’associazione presenti al momento dell’incontro, non essendo stato specificato  in precedenza che alla riunione potesse partecipare solamente il presidente e sfociando in una successiva lite con il primo cittadino con tanto di forze dell’ordine intervenute per placare gli animi, come riferito dallo stesso presidente Ricci e dagli altri associati coinvolti. Sebbene la situazione sembri al momento compromessa gli imprenditori turistici balneari si augurano di trovare un momento di pace con l’amministrazione in questo particolare “periodo di stress”, invocando il bisogno di un rispetto che sia reciproco.

Altra questione invece sempre rilevante per l’Itb è quella relativa alla direttiva Bolkestein: nell’incontro tenutosi a Roma in settimana con l’Anci è stata avanzata la richiesta di un colloquio a Bruxelles con i membri della Commissione Europea Michel Barnier e Antonio Tajani per valutare la possibilità di un diritto di superficie anche in questo campo. Intanto a San Benedetto è previsto per la serata del 9 Novembre un appuntamento con l’europarlamentare Magdi Cristiano Allam che si terrà all’Auditorium comunale alle ore 21.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)