GROTTAMMARE – Un film-documentario tratto dal viaggio di Pier Paolo Pasolini in Millecento del 1959, da Ventimiglia a Trieste e dal libro fotografico “Pasolini. La lunga strada di sabbia” di Philippe Seclier.

Giovedì 8 novembre alla Biblioteca/Mediateca Comunale, ore 21.15 sarà proiettato “Qui finisce l’Italia”di Gilles Coton (Belgio 2010, col, 84’). Nell’estate del 1959 Pier Paolo Pasolini percorre l’intera costa della penisola, da Ventimiglia a Trieste, tra le ultime tracce del dopoguerra e una delle prime stagioni vacanziere.

Nasce così “La lunga strada di sabbia”, diario di viaggio nell’Italia sospesa tra il boom economico e un passato recente, ma sempre più distante. Pasolini descrive i ragazzi e le ragazze, i volti che incontra, le città e località in cui fa tappa: Genova, Livorno, Roma, Napoli, Ischia, la Calabria e la Sicilia, Taranto, la riviera adriatica, Venezia, Caorle, fino all’arrivo nel suo Friuli.

Nell’estate del 2009 un regista belga ripercorre quel viaggio, accompagnato dalla lettura del testo originale. Il risultato è un road movie che unisce le impressioni pasoliniane di 5 decenni prima e le contraddizioni dell’Italia contemporanea: qualcosa pare immutabile, qualcos’altro è fin troppo rapidamente cambiato.

Prosegue con successo la diciottesima stagione di proposte culturali organizzata dall’Associazione Blow Up di Grottammare, Macerie Prime società, culture, opportunità ai tempi della crisi.

L’ingresso è gratuito con la tessera F.I.C. 2012-2013 che al costo di soli 10 euro offrirà l’iscrizione all’Associazione Blow Up e l’accesso libero a tutte le iniziative della stagione fino al al 21 marzo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 276 volte, 1 oggi)