SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ fissata per venerdì 23 novembre la nuova Commissione sui Lavori Pubblici, nella quale si tornerà a discutere dell’emergenza allagamenti. Sarà in questa occasione che il consulente comunale Alessandro Mancinelli, docente d’ingegneria idraulica all’Univpm, presenterà la mappatura sulla condizione dei sottoservizi a San Benedetto.

Nel frattempo, Comune, Ciip e Ato si sono incontrati nella mattinata di mercoledì, per valutare il costo complessivo degli interventi. La cifra si aggira attorno ai 6-7 milioni di euro e a sborsarla dovrebbe essere l’ente presieduto dal sindaco di Monteprandone, Stefano Stracci. Un investimento corposo che richiederà tempo e che sarebbe giustificato dalla necessità di agire in maniera organica.

“Non potremo più effettuare lavori isolati – avverte l’assessore Leo Sestri – dovrà essere interessato tutto il territorio. Intervenire su singole situazioni sarebbe inutile, serve un’azione di rete”. Gli aggiustamenti alle condotte fognarie spazierebbero da Ragnola a via Pasubio, passando per l’area del Ballarin. “Il problema c’è da sempre – continua Sestri – le responsabilità sono di chi amministra, quindi anche la mia. Stiamo approfondendo la questione, sono 3-4 mesi che lavoriamo sodo. Non che prima si sia rimasti con le mani in mano”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 391 volte, 1 oggi)