TERAMO – Si presentavano in case abitate da persone anziane dicendo di essere personale dei servizi sociali o addetti al controllo della spazzatura e, una volta dentro le abitazioni, rubavano denaro e oggetti di valore. Sono state arrestate dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Teramo, su ordinanza del gip del Tribunale di Teramo Domenico Canosa (sostituto procuratore Stefano Giovagnoni), tre donne, G.D, 36 anni e S.M.F., 27 anni, entrambe di Alba Adriatica, e D.R.L. 64 anni di Mosciano. Una quarta donna di Giulianova è stata deferita in stato di libertà.

Il gruppo si è reso responsabile di 4 furti in abitazioni a Teramo, San Nicolò a Tordino e Sant’Omero compiuti tra settembre e ottobre. Le donne si spacciavano per funzionari della Teramo Ambiente addetti al controllo della spazzatura o per persone dei servizi sociali, e approfittavano della buona fede degli anziani per derubarli di oro, contanti e in alcuni casi anche biancheria. Lo scorso 13 settembre le 4 donne si sono introdotte in una casa a Teramo in cui abitava un’anziana di 97 anni con problemi di deambulazione, riuscendo a sottrarle 1550 euro. Il 26 settembre il colpo era stato effettuato a San Nicolò a Tordino, da tre delle quattro indagate, in casa di una 88enne a cui avevano rubato oro e gioielli per un valore di 2mila euro. Il 28 settembre era stata presa si mira una casa a Sant’Omero, con un anziano di72 anni derubato di monili in oro per un valore di 5mila euro. Il 2 ottobre ad essere raggirato è stato un 70enne di Teramo a cui sono stati rubati gioielli e biancheria pregiata per 1200 euro. Le 4 donne dopo l’arresto sono state condotte nel carcere di Castrogno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 351 volte, 1 oggi)