SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito il comunicato ufficiale della Samb dopo i fatti di Celano e l’obbligo di disputare due partite (Samb-Ancona e Samb-Civitanovese) a porte chiuse e in campo neutro.

L’U.S. Sambenedettese prende atto delle decisioni degli organi competenti in merito ai fatti accaduti domenica a Celano. Da immagini in nostro possesso, risultano inesattezze importanti nel comunicato del Giudice Sportivo, non v’è stato alcun messaggio degli altoparlanti dello stadio, né tanto meno la prima interruzione del gioco è stata di 2’. La società condanna l’atteggiamento di quei pochi tifosi che, con il loro comportamento, hanno causato un grave danno economico e tecnico alla Sambenedettese Calcio e alla parte sana della tifoseria rossoblù che dovrà rinunciare a due partite molto sentite e attese.

Vogliamo però anche evidenziare come il sistema calcio sia davvero discutibile poiché una società dilettantistica in tal modo si trova a dover fare a meno dell’unico introito (l’incasso delle partite) a causa di un gesto di terze persone non tesserate per la società U.S. Sambenedettese. Inoltre va evidenziato che tali sanzioni risultano come la conseguenza di referti di arbitri, assistenti e commissari senza la possibilità per la società di poter difendersi e agire in contenzioso. Nel caso specifico di Celano, tra l’altro, da parte di un assistente che ha palesato nei momenti topici anche una scarsa affidabilità emotiva.

Inoltre l’U.S. Sambenedettese valuterà la possibilità di un eventuale ricorso nei confronti delle decisioni prese dal Giudice Sportivo e. La tifoseria della Samb è un valore aggiunto, è il motore di tutta l’attività sportiva della società e si auspica anche da parte della stessa un’attenzione al fine di isolare quanti si rendono protagonisti di gesti che vanno a danno di tutti.

Infine la società si difenderà anche in merito al reclamo del Celano tendente a sovvertire il risultato maturato sul campo, con la ferma convinzione che la gara si sia regolarmente conclusa e che la vittoria ottenuta sia legittima e anche meritata. Si censura inoltre il comportamento dei dirigenti del Celano nei confronti della terna arbitrale a fine gara (senza peraltro ricevere alcuna sanzione) e nei confronti di staff tecnico e dirigenza della U.S.Sambenedettese fatti oggetto di insulti e frasi offensive che dimostrano uno scarso senso di ospitalità.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.011 volte, 1 oggi)