COLONNELLA – “Chiacchiere demagogiche e strumentali”: così il sindaco di Colonnella Leandro Pollastrelli definisce le accuse del gruppo di opposizione Insieme per Colonnella sul ricorso al Tar contro la centrale a biomasse di Vallecupa. “Si evince una completa inadeguatezza delle dichiarazioni fornite dalla Cecchini – afferma Pollastrelli – poiché il Comune di Colonnella ha effettuato il ricorso al Tar contro la Sagitta pur non ricevendo alcuna adesione dai comitati cittadini, invitati più volte dall’amministrazione comunale nelle varie assemblee a far fronte comune in modo da dare più forza alle nostre ragioni. Ad oggi – prosegue il sindaco – la minoranza ha prodotto solo chiacchiere demagogiche e strumentali al solo fine di avere da questa situazione un vantaggio politico, speculando in modo indecoroso su qualsiasi cosa potesse ledere l’immagine dell’amministrazione comunale, che invece fin da subito ha assunto una posizione ben precisa e di responsabilità verso l’intera questione. Ai movimenti di piazza dell’opposizione – aggiunge – non sono seguiti i fatti nelle sedi amministrative e giudiziarie opportune, e finora nessuna delegazione o comitato organizzato dal gruppo di minoranza ha realizzato fatti concreti a tutela dei cittadini”.

Pollastrelli ricorda poi che sul tema delle centrali a biomasse l’amministrazione comunale ha istituito la Consulta per l’Ambiente e ha approvato in Consiglio comunale una delibera da sottoporre all’Unione dei Comuni con cui fare in modo che la Città Territorio diventi parte attiva e determinante sul rilascio dell’autorizzazione per gli impianti nei 12 Comuni.

Si attende a breve inoltre il responso dei ricorsi al Tar effettuati sia dalla Sagitta Immobiliare contro il Comune (per un risarcimento di 48 milioni di euro) che del Comune nei confronti della Sagitta e degli organi regionali competenti, al fine di ottenere l’annullamento dell’autorizzazione unica.

“Si stanno effettuando ulteriori approfondimenti – conclude Pollastrelli – circa la valutazione tecnica del progetto e del suo impatto ambientale,  in modo da avere ulteriori elementi in merito alla questione. Questi sono i fatti concreti e non gli spot pubblicitari messi in campo da una minoranza purtroppo inadeguata al proprio ruolo”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 356 volte, 1 oggi)