GROTTAMMARE – Mario Cornejo, 55enne funzionario dell’obitorio di Santiago, assiste, emotivamente congelato, all’autopsia del corpo crivellato e irriconoscibile di Salvador Allende Gassens, presidente della Repubblica dal 1970, in presenza di militari che pretendono un referto di suicidio. 

Giovedì 1° novembre presso la Biblioteca/Mediateca Comunale di Grottammare, alle ore 21.15 è in programma la proiezione del film di Pablo Larrain “Post Mortem”. La pellicola racconta una storia ambientata in Cile, nel 1973, durante il golpe del generale Augusto José Ramón Pinochet Ugarte. È la sconvolgente sequenza finale del 3° film di Larraín che l’ha scritto e coprodotto (Fabula) col fratello. Inizia in cadenza di commedia, accumula la tensione, espone con quieta crudeltà l’amore di Cornejo per Nancy, sua vicina di casa e ballerina di cabaret che lo usa e lo illude, esplode in un bagno di sangue.

Lo sguardo di Larraín sembra inerte e attonito con i suoi “tempi morti” come quello del suo grigio protagonista. È un distacco che esprime l’etica-estetica del film e la denuncia di un’umanità che assiste agli eventi senza interesse e con fastidio: “… il colpo di Stato è fuori campo, il primo piano è per il ‘dopo’, il Cile complice” (Mariuccia Ciotta).  Il film sarà introdotto e commentato da Tommaso La Selva, critico cinematografico e membro di Blow Up.

Prosegue con successo la diciottesima stagione di proposte culturali organizzata dall’Associazione Blow Up di Grottammare, Macerie Prime società, culture, opportunità ai tempi della crisi.

L’ingresso è gratuito con la tessera F.I.C. 2012-2013 che al costo di soli 10 euro offrirà l’iscrizione all’Associazione Blow Up e l’accesso libero a tutte le iniziative della stagione fino al al 21 marzo.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 210 volte, 1 oggi)