SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora non vi è traccia del bando. Nel centrosinistra nessuno è a conoscenza della gara pubblica che dovrebbe essere indetta dal Comune nell’ambito della convenzione relativa allo stadio Riviera delle Palme. Una delibera che prevedrebbe l’inclusione di un terreno di proprietà comunale attorno ai 100 metri quadrati, situato lungo Viale dello Sport, a breve distanza dalla struttura nella quale la Sambenedettese disputa i match casalinghi.

Eppure, finora nulla di tutto questo è mai approdato sul tavolo della maggioranza, nel corso delle riunioni settimanali. Appuntamenti che non andranno in scena né martedì, a causa della trasferta del sindaco Gaspari a Bologna, né giovedì, considerata la festività di Ognissanti.

“Quello che sappiamo lo apprendiamo dai giornali”, affermano a bassa voce alcuni esponenti del Partito Democratico, che di conseguenza escludono che l’argomento possa finire già sul tavolo del prossimo Consiglio Comunale. Troppo presto, ma specialmente tutto ancora troppo sconosciuto.

Nel lotto di terreno, l’imprenditore vincente (Fabio Russo?) installerebbe una pompa di benzina low-cost. Una concessione che, sempre sul fronte Pd, dovrebbe essere necessariamente compensata dall’impegno d’estinzionne dei debiti (900 mila euro, da destinare ai fornitori per la messa a norma del Riviera) contratti dalla Rdp, società di proprietà di Sergio Spina (ex presidente Samb), Enrico Cinciripini e Roberto Pignotti (attuale presidente del club).

Restano da comprendere adesso le reali intenzioni del sindaco e che tipo di bando il Comune andrà a confezionare. Una corrente gaspariana pertanto storce il naso dinanzi alla trattativa, non ritenendo corretto che beni comunali, dunque della città, debbano essere messi in gioco per il pagamento di spese non addebitabili all’amministrazione comunale.

Per Russo potrebbe infine tornare in ballo il vecchio discorso sulla gestione estiva della struttura sportiva, per la proposizione di eventi e concerti. L’abbandono della trattativa privata però, apre comunque le porte ad eventuali figure esterne pronte ad intromettersi.

Tuttavia, va valutato quanto emerso durante la trasmissione YouSamb di RivieraOggi.it, lunedì sera. Tutti e tre gli ospiti – il vicepresidente della Samb Claudio Bartolomei, il consigliere comunale del Pdl Luca Vignoli e l’avvocato Paolo Gaetani, referente di Fabio Russo – hanno convenuto che i tempi dovrebbero essere accelerati. Perché lo scorso settembre la Commissione di Vigilanza diede sì il proprio parere positivo all’agibilità del Riviera delle Palme, ma si trattò di un parere a tempo, che potrebbe non riguardare tutto il campionato. E fu un “sì” subordinato anche alla messa a norma che, allora, sembrò oramai cosa fatta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.041 volte, 1 oggi)