GROTTAMMARE – Una normale partita di Coppa Italia, terminata 1-1, e poi quello che nessuno si aspettava. Dopo Grottammare-Fermana, giocata allo stadio Pirani di Grottammare e terminata 1-1,vi sono stati dei tafferugli tra ultrà della Samb e della Fermana.

Aggiornamento delle 21.50. E’ un ultrà di 24 anni di Grottammare, tifoso della Samb, F.C., il ragazzo arrestato dopo la partita per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e lancio di oggetti contundenti in occasione di manifestazioni sportive. La convalida dell’arresto è giunta nella mattinata del 18 ottobre dopo un processo per direttissima.

Secondo il comunicato diffuso dai Carabinieri, durante il deflusso del match, una ventina di tifosi della Sambenedettese, muniti di sciarpe e passamontagna e armati di bastoni, hanno cercato di venire a contatto fisico con i tifosi ospiti che stavano risalendo in macchina. Il gruppo di ultras sambenedettesi, nascosto un vivaio vicino il campo sportivo, ha atteso l’uscita dei circa cento sostenitori fermani per tendere loro un agguato, tentando di aggredirli e lanciando oggetti contundenti.

Le Forze dell’Ordine sono intervenute immediatamente, frapponendosi tra le opposte tifoserie e provocando la fuga degli assalitori. Tre carabinieri hanno riportato lesioni guaribili in una settimana.  Sequestrati un passamontagna e un bastone lungo circa 60 centimetri. Sono in corso le indagini per identificare gli altri componenti del gruppo che ha provocato gli scontri. Scontri a cui è estranea la tifoseria grottammarese. L’episodio è stato segnalato all’osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive.

Aggiornamento, GIOVEDI’ ORE 17.40: Abbiamo raggiunto al telefono il nuovo comandante del Nor dei Carabinieri di San Benedetto, Saverio Loiacono. Ci ha confermato che al termine dell’incontro sono avvenuti tafferugli fuori dal Campo Sportivo di Grottammare, tra tifosi della Fermana e alcuni della Samb giunti sul posto. I Carabinieri feriti sono tre. Si è provveduto subito ad un fermo per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale come prevede il regolamento per la violenza negli stadi. Identificato un altro soggetto che tutt’ora è ricercato.

Negli scontri ci sarebbe stata una sassaiola, avvenuta nella zona vicina allo svincolo dell’A14.

Tra le tifoserie di Samb e Fermana purtroppo sono accaduti, negli ultimi tempi, diversi fatti che non hanno nulla a che vedere con la cronaca sportiva (leggi qui, 4 novembre 2009).

Aggiornamento, VENERDI’ ORE 12: “La Società Sportiva Grottammare Calcio 1899 è profondamente turbata per gli episodi di violenza che si sono verificati al di fuori dello Stadio Pirani al termine della gara di Coppa Italia Grottammare-Fermana. Anche se nessun sostenitore bianco-celeste è coinvolto in questi fatti di pura follia, il Grottammare Calcio esprime profondo rammarico per l’accaduto, che nuoce gravemente all’intero movimento calcistico e rischia di allontanare le famiglie, i bambini e le persone perbene dagli stadi. Il Grottammare Calcio è vicina ai tutori delle Forze dell’Ordine feriti negli scontri e rinnova l’amicizia con la Fermana Calcio ed i suoi sostenitori”.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.807 volte, 1 oggi)