Barbetta 6. Colpevolmente fermo sul gol annullato a Capparelli, si riscatta con un paio di interventi sicuri. Ordinaria amministrazione.

Carminucci 7. Alla prima da titolare fa una partita splendida, per personalità e sicurezza. Tutto condito dall’assist per il primo gol di Napolano. Non male per un ’95, soprattutto in quel ruolo. Una sorpresa. (74′ Nocera 6. Entra nel finale e non demerita)

Tracchia 6. Dalle sue parti i maceratesi spingono poco e nulla. Vivacchia senza patemi.

Scartozzi 6,5. Ennesima ottima prestazione. Il centrocampista rossoblu controlla senza problemi il gioco, suggerendo molti buoni palloni per Shiba e compagni.

Aquino 6. La partita é subito in discesa e il difensore rossoblu passa più tempo ad impostare che difendere.

Marini 6. Come il compagno di reparto non ha molti problemi a controllare li attaccanti di casa. Quando serve si fa subito trovare pronto: una sicurezza.

Napolano 8,5. Due colpi. Uno sotto all’incrocio sinistro, uno sotto all’incrocio destro. Decide una partita che altrimenti sarebbe stata molto più difficile. Voto alto, ma non eccessivo per chi – negli occhi – ha ancora quelle due magie. Re Mida. (66′ Traini 6. Entra per dare sostanza al centrocampo rossoblu: missione riuscita)

Carpani 6,5. La partita si incattivisce presto ma, dove altri sarebbero scomparsi, il giovane rossoblu si esalta. Una partita giocata col coltello tra i denti, dall’attacco alla difesa. Una sicurezza.

Santoni 6,5. Non si vede spesso, ma lotta su ogni pallone rendendosi pericoloso nei momenti chiave. Provoca l’espulsione di Arcolai. Oscuro.

Forgione 6. Fa una partita oscura dove, più che per le sue qualità tecniche, si fa apprezzare per umiltà e spirito di sacrificio.

Shiba 6,5. Si vede poco, ma – ancora una volta – é decisivo. Ha due occasioni: una la sbaglia, l’altra no. Chiude la partita e sigla il sesto gol in campionato. Non male. (70′ Pazzi 6. Entra a partita già finita, ma riesce comunque a rendersi pericoloso. Fallisce un gol all’86’, ma non era meglio e -francamente- dopo il gol contro l’Astrea, si può anche perdonare)

Palladini 7,5. La Samb aveva davanti una partita che per tradizione (con la Maceratese bestia nera dei rossoblu), infortuni (Disanto out, Carpani e Aquino recuperati in extremis, Pazzi costretto in panchina) e problemi interni (la questione Cuccù), avrebbe potuto dare molti problemi. Palladini la prepara alla grande: rischia Napolano a centrocampo, dà fiducia a Carminucci, mette dentro Forgione. I suoi lo premiano. Sopra tutto e tutti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.538 volte, 1 oggi)