SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una folta rappresentanza di studenti ha partecipato in sala consiliare all’iniziativa organizzata dal Circolo dei Sambenedettesi, volta a celebrare i 150 anni dall’attribuzione del nome “San Benedetto del Tronto” alla cittadina rivierasca.

Uno degli appuntamenti del progetto “Gli anniversari della Città nell’Italia Unità” varato dall’Amministrazione comunale per tenere viva la memoria collettiva degli eventi che hanno segnato la storia di San Benedetto. L’iniziativa rientrava nel programma dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono della città.

Il convegno, dal titolo “La Città che cambia: Da San Benedetto in Albula a San Benedetto del Tronto”, è stato occasione per ricordare le tappe fondamentali che hanno portato la città rossoblù ad acquisire la nomenclatura attuale e, come ha affermato la moderatrice dell’incontro, la presidente del Circolo dei Sambenedettesi Benedetta Trevisani, “Il convegno è occasione per ricordare la figura di San Benedetto Martire, proprio in occasione della Festa del Patrono ma anche per interrogarsi sulla San Benedetto di un tempo e quella del futuro”.

A salutare i partecipanti nella forma istituzionale l’assessore alla cultura Margherita Sorge, il consigliere regionale Paolo Perazzoli, il presidente della provincia Piero Celani, il presidente del CORECOM Marche Pietro Colonnella e ovviamente il primo cittadino Giovanni Gaspari, il quale rivolgendosi ai ragazzi ha ricordato come la città non finisca mai di stupire: “Credevamo che San Benedetto fosse una città giovane, ma stiamo scoprendo che non è così. Siamo una città antica, i resti della villa romana del Paese alto lo testimoniano, ma siamo anche una città in continua evoluzione ed espansione ed è impegno di tutti, ma soprattutto delle giovani generazioni, far sì che il senso di unità prevalga e che tutti si sentano sambenedettesi”.

La mattinata è proseguita con gli interventi del prof. Ugo Marinangeli e dello storico Gabriele Cavezzi. Marinangeli ha illustrato attraverso vari atti amministrativi la storia del nome della Città e del suo stemma dal 1808, anno in cui con un decreto di Eugenio Napoleone di Francia, Viceré d’Italia, vengono nominati i Podestà dei Comuni delle Marche fra cui quello di “S. Benedetto”, fino al 25 ottobre 2000, data in cui il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha emesso il decreto con il quale ha concesso il titolo di città a San Benedetto.

Cavezzi, invece, con l’aiuto di carte immagini e disegni d’epoca, ha proposto un excursus storico dello sviluppo demografico, economico ed urbanistico della città compresa tra due corsi d’acqua, il fiume Tronto e il torrente Albula, puntando l’attenzione sullo sviluppo della pieve che, dal ‘700, esplose demograficamente e quindi urbanisticamente quando si iniziò a costruire le case anche fuori dall’incasato, e sull’erezione della chiesa di San Giuseppe, della Basilica Cattedrale della Madonna della Marina e dell’Abazia di San Benedetto Martire.

Ha concluso la mattinata la proiezione del video di Franco Tozzi dal titolo “Dissolvenze incrociate” che ha proposto un viaggio fotografico nel tempo delle zone più caratteristiche del vecchio incasato e della zona del centro.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 309 volte, 1 oggi)