ANCONA – Dopo un’estate in austerity, senza main sponsor e con un budget limitato, la Sutor Basket Montegranaro debutta per la stagione sportiva 2012-2013, di fronte all’esiguo pubblico del Palarossini. Con simili premesse ci si aspetta un campionato ricco di tribolazioni, ma la vittoria della settimana scorsa, fuori casa, contro Avellino, dà alla Sutor, in questo esordio casalingo, se non altro la convinzione di poter lottare alla pari con le altre squadre.

Il primo quarto, piuttosto equilibrato, vede in campo una Sutor forse meno attenta nei passaggi in attacco, rispetto alla sua avversaria. La difesa, invece, si fa trovare pronta anche se Thornton e Easley  non danno vita facile . L’esordio dei primi minuti fa ben sperare in una replica del bel successo contro Avellino di domenica scorsa. Ma da subito l’inerzia della partita si ribalta ed è Sassari a beneficiare di  un beneaugurante vantaggio. Pochi, a dire il vero, i punti di differenza, che la squadra di Montegranaro sa gestire bene. Solo una volta la Banco di Sardegna tenta l’allungo a un paio di minuti dalla fine con Diener (12-17), ma, in meno di un minuto, Mazzola riaggancia il quarto e porta la Sutor a -1 (16-17). Purtroppo, palla in mano, Di Bella, vanifica l’azione del probabile sorpasso a causa di una incomprensione con Mazzola. Ne approfitta Pinton che con soli 5 secondi a disposizione infila la retina con una tripla. Il quarto si chiude sul 16-20.

Di diversa intensità è invece il secondo parziale. Si passa velocemente ad un primo vantaggio Gialloblu, grazie alla bomba di Cinciarini (22-20) e si prosegue con una serie di azioni dei Sardi, che annullano il vantaggio appena acquisito e tentano di tornare in testa.  La lotta si fa viva e si gioca veloce da canestro a canestro: Di Bella mette a segno 5 punti, ma è Slay l’uomo del quarto con 10 punti realizzati e azioni incisive che costruiscono un vantaggio di 6 punti per la Sutor a due minuti dall’intervallo lungo. Reagiscono subito gli ospiti e non tardano a pareggiare i conti: velocizzano i passaggi e vanno a canestro tre volte, due con i Diener e 1 con Ignerski. La sirena suona su un dignitoso pareggio: 39-39.

Fatica non poco, alla ripresa, Montegranaro e sgomita sotto canestro. Burns viene chiuso bene e si spegne in questo quarto. Al terzo minuto di gioco  inizia il festival delle triple: apre le danze Mazzola, accompagnato da Cinciarini, ma sono i terribili Diener a guastare la festa e a tenere alto l’onore e il punteggio del Banco di Sardegna (47-48). In realtà, i tiri dall’arco segnati dagli ospiti in questo parziale sono solo i 2 segnalati, su un totale di 12 (17% di percentuale), così, al quinto minuto di gioco, coach Recalcati decide di adottare la zona. Ma neanche questo espediente serve a tenere a distanza Sassari, che, messa sotto, riesce a tirar fuori dal cilindro  sempre nuovi nomi e nuovi punti. L’ennesimo pareggio viene realizzato questa volta da Devecchi: 56-56.

L’ultimo quarto regala più emozioni al pubblico del Palarossini perché è quello in cui la squadra di casa soffre maggiormente. La parte del leone la fa Mazzola che verrà poi votato come l’mvp della serata con 23 di valutazione. Ma la buona volontà non basta e, delle due squadre, certamente Sassari è la più attrezzata e la più volitiva. La più attrezzata perché, ancora una volta, se le punte di diamante brillano di meno (vedasi Thornton), entra in campo il giocatore decisivo che ti decide la partita: è il caso di Ignerski, autore di tre bombe che hanno contribuito alla disfatta della Sutor. I ragazzi di Recalcati all’ultimo giro di orologio sono ancora in partita e sperano nel sorpasso sul filo di lana, ma spediscono sulla linea dei liberi i cugini Diener, di certo non i meno precisi degli ospiti, e commettono qualche disattenzione che non permetterà loro di rientrare. Si chiude così l’incontro sul 79-85 che lascia l’amaro in bocca alla truppa Gialloblu. Ma già da sabato prossimo ci sarà l’occasione per un pronto riscatto sempre tra le mura amiche, dove arriverà un ospite in forma come Bologna, prima in classifica e uscita vittoriosa dallo scontro con Milano.

TABELLINO: Fabi Shoes Montegranaro-Banco di Sardegna Sassari  79-85.
FABI SHOES MONTEGRANARO: Steele 0 (0/2, -/-), Cinciarini 22 (2/5, 4/8), Panzini 0 (-/-, -/-), Perini n.e., Slay 17 (3/6, 3/6), Piunti n.e., Freimanis 5 (2/2, 0/1), Campani 0 (-/-, -/-), Di Bella 5 (1/5, 1/3), Mazzola  20 (8/11, 1/1), Johnson 0 (0/3, 0/1), Burns 10 (3/8, 1/3). All.: Carlo Recalcati.
BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Devecchi 3 (-/-, 1/1), Thornton 8 (1/3, 2/6), Ignerski 12 (1/3, 3/7), Diener T. 19 (4/8, 2/9), Sacchetti 8 (3/3, 0/2), Diener D. 15 (5/6, 1/6), Vanuzzo 3 (0/2, 1/3), Pinton 3 (-/-, 1/1), Diliegro 4 (2/3, -/-), Easley 10 (4 /5, -/-). All: Romeo Sacchetti
Arbitri: Paternicò, Filippini, Caiazzo.
Note: Parziali 16-20, 23-19, 17-17, 23-29. Tiri da due Montegranaro 19/42, Sassari 20/33. Tiri da tre Montegranaro 10/23, Sassari 11/35. Tiri liberi Montegranaro 11/17, Sassari 12/18. Assist Montegranaro 13, Sassari 13. Stoppate Montegranaro 1, Sassari 0. Schiacciate Montegranaro 1, Sassari 1. Rimbalzi totali Montegranaro 38, Sassari 38.
Usciti per cinque falli: Mazzola (Montegranaro)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 273 volte, 1 oggi)