Quanto fa una mela diviso due pere?

Non si può fare: ce lo insegnano alle elementari.

E allora perché tutti gli Stati sono valutati in base al rapporto tra il Debito Pubblico e il Prodotto interno lordo?

Il primo è dato dalla somma storica di tutti i deficit pubblici, anno dopo anno: ovvero dalla somma derivante dalla differenza tra entrate e uscite dello Stato.

Il secondo, è un dato riferito ad un solo anno, ed è la somma dei beni e servizi prodotti.

Il rapporto tra Debito pubblico e Pil è una pura convenzione. Una convenzione umana e non una legge fisica.

Avrebbe senso infatti conoscere il peso degli interessi rispetto al Debito Pubblico e al Pil. Perché gli interessi sono il vero fardello della spesa pubblica.

Ma tutti gli Stati possono decidere il tasso di interesse al quale rifinanziarsi. Solo l’Eurozona ha deciso, ormai, che i tassi di interesse li devono decidere i mercati, che altri non sarebbero che Goldman Sach’s, Jp Morgan, Barclays, Monte dei Paschi, Unicredit…

Così il Giappone, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno debiti pubblici più alti di Spagna e anche Italia in alcuni casi, ma tassi di interesse molto più bassi. Perché li decidono loro.

Per questo motivo, e non per i Fiorito e i Lusi, voi vi ritrovate con le scuole che avete, le strade che avete, le zone industriali che avete, le ferrovie che avete.

Pensate che nel 1981 Ciampi e Andreatta decisero di impedire all’Italia di stabilire il proprio tasso di interesse, e di affidarsi a quella gente lì, per evitare che la spesa pubblica fosse improduttiva.

Oggi, 2012, alla prova dei fatti la spesa pubblica è sempre più improduttiva, perché non ci sono più i soldi per investire ma solo per pagare gli stipendi. Eppure basterebbe tanto poco per azzerare questo scandalo, ovvero finanziare la spesa dello Stato attraverso una Banca centrale agli ordini della politica e non come avviene ora, con Stati che sono agli ordini della Bce. Un colpo di Stato senza che nessuno se ne accorga.

Fiorito, Lusi e il Trota non sarebbero eliminati. Resterebbero.

Solo gli imbecilli credono che i ladri possono essere eliminati con una legge.

Ma almeno insieme ai ladri ci sarebbero strade, scuole, ricerca, energia rinnovabile, ospedali.

Poi, scegliete quello che volete eh.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.663 volte, 1 oggi)