GROTTAMMARE – Nella scuola per l’infanzia di Grottammare, facente parte del Isc Leopardi, da qualche giorno sono stati chiusi i rubinetti. C’era giunta voce che fosse stata l’Asur, dopo un sopralluogo a richiedere la sospensione del servizio idrico, poi venuti a conoscenza di un’ordinanza firmata dal sindaco Luigi Merli, abbiamo deciso di chiedere spiegazioni proprio al primo cittadino.

“Il controllo dell’azienda sanitaria c’è stato, come nella norma. In seguito alla rilevazione di un’anomalia, la presenza di un batterio non nocivo, in due rubinetti (uno dei quali in uno stanzino chiuso a chiave) ci è stato detto di chiuderli. Avremmo dovuto fare la disinfestazione con il cloro e tutto si sarebbe risolto velocemente e con una spesa di 450 euro circa. Abbiamo chiamato una ditta per i lavori e questa ci ha però fatto notare anche la presenza di calcare nel bollitore per l’acqua calda e allora abbiamo deciso di cambiarlo con uno di ultima generazione”.

Il sindaco ci ha spiegato che una volta al giorno la nuova caldaia arriverebbe internamente ad una temperatura di 70° sterilizzando automaticamente l’acqua e si eviterebbe così la sanificazione annuale che si fa ad inizio anno scolastico con il cloro.

“Il lavoro di riqualificazione complessivo- conclude Merli- è costato al comune 12mila euro”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 325 volte, 1 oggi)