SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sicurezza nel lavoro, formazione del personale specializzato. Ormai le aziende più moderne tentano di percorrere questo tipo di strada: una qualificazione sempre più alta cercando di ridurre i rischi.

Il Cescot di San Benedetto ha organizzato un incontro per presentare il Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione continua e del Terziario (Fon.ter).

Questo è nato a seguito dell’accordo interconfederale sottoscritto il 22 luglio 2002 tra l’organizzazione datoriale confesercenti e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil. Secondo Fabrizio Reali, che ha presentato il progetto il fondo dovrebbe essere disponibile già da ottobre.

Il Fon.ter in breve:
-Ripartizione delle risorse su base nazionale e su base regionale: destinate al finanziamento di Progetti Formativi di natura: settoriale, interregionale e aziendale con unità locali dislocate sul territorio.
-Avviso (aperto) ad esaurimento risorse
-Rapidità di valutazione e assegnazione finanziamento (entro 30 giorni dalla presentazione)
-Progettazione di dettaglio e definitiva
-Risposta immediata alle esigenze formative delle imprese e dei dipendenti.

Questo sarà aperto al personale con contratto determinato, indeterminato che versano lo 0,30%, ai cassintegrati. Esclusi i co.co.pro.
La cifra massima elargita per ogni progetto presentato si aggirerà intorno ai 4.500 euro.

La formazione riguarda anche il personale sanitario e per gli infermieri che lavorano in ambito privato, per le cooperative, che potranno accomulare crediti Ecm (Educazione Continua in Medicina). Per questo motivo il progetto è nato in collaborazione con la Service Coop la presidente del colleggio infemieristico Ipasvi della Provincia di Ascoli Piceno, Roberta Corradetti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 251 volte, 1 oggi)