GROTTAMMARE – Cultura e crisi unite all’unisono, questo lo scenario nel 2012. L’associazione culturale Blow Up, in occasione della diciottesima stagione del cineforum, ha in programma per l’anno sociale 2012-2013, in linea con la propria storia, con le passioni, le ricerche, i laboratori e le attività didattiche e di animazione culturale e sociale, una serie di iniziative che intendono affrontare il complesso tema della crisi, esaminato da vari punti di vista, tentando contemporaneamente di risalire alle cause e di proporre opportunità per una via di uscita più consapevole.

Si partirà con il primo appuntamento giovedì 20 settembre, presso Palazzo Kursaal, alle ore 21. Si parlerà di “Macerie Prime: società, cultura, opportunità ai tempi della crisi”. Alle ore 21:30 incontro con giornalista, saggista e politico Giulietto Chiesa.

“Siamo convinti che nelle macerie dell’individualismo sfrenato, del nichilismo, del cinismo e del capitalismo consumistico –afferma l’associazione Blow Up in una nota- sia possibile rintracciare una serie infinita di opportunità con cui immaginare, progettare, creare un mondo migliore, attraverso la partecipazione, la solidarietà, la circolazione di idee e di sapere. Serve dunque l’impegno individuale e la spinta dal basso”.

Saranno ben venticinque gli appuntamenti suddivisi tra fiml, incontri con ospiti, performance video-teatrali, una cena a tema e sette incontri multimediali di natura didattica sui generi cinematografici.

Un totale di trentasei iniziative culturali spalmate tra metà settembre 2012 e metà marzo 2013. Saranno, inoltre, numerosi gli ospiti di prestigio della sfera culturale e sociale attuale. Gli appuntamenti Blow Up come sempre si susseguiranno in tre diverse location, scelte in base all’appuntamento che si andrà poi a snodare: la Biblioteca/Mediateca Comunale, il Palazzo Kursaal e la sala Dep Art (Piazzale Stazione).

Il presidenti Blow Up Sergio Vallorani interviene: “E’ sempre più difficile riuscire a fare cultura nelle modalità in cui noi la intendiamo. Possibilmente priva di sensazionalismi, svincolata dalle logiche dettate dalla Tv, capillare nel territorio, concreta, quotidiana, che valorizzi i talenti e le potenzialità delle persone, che crei aggregazione sociale, interculturale e interetnica e che infine, sviluppi il senso civico e l’estetica relazionale. Forse, prossimamente, ricorreremo al web e al crowdfounding di cui si parla tanto, ma la nostra forza è, e rimarrà, la vostra presenza fisica alle nostre iniziative, il passaparola, l’essere seguiti in rete (blog, pagina Face book, sito), i messaggi e le richieste di collaborazione che riceviamo e che inoltriamo e che di anno in anno accrescono e migliorano i nostri contatti”.

Anche l’assessore alla Cultura Enrico Piergallini ha voluto rilasciare la sua dichiarazione nei confronti di questa giovane e “coraggiosa” associazione grottammarese: “Anche la stagione di quest’anno proposta da Blow Up dimostra il coraggio di affrontare il presente con onestà e originalità. Ragionare sulla crisi servirà a tutti per non subire le informazioni propagandistiche dei mass media e per ritrovare nella crisi presente gli spunti per trasformare questo momento in un’occasione di cambiamento complessivo”.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti una volta effettuata la tessera F.I.C. 2012-2013 rilasciata e timbrata dall’associazione culturale Blow Up al costo di 10 euro. Le tessere possono essere velocemente fatte all’ingresso di ogni iniziativa della stagione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 294 volte, 1 oggi)