PAZZI: è un vero peccato non avere portato oggi casa i tre punti. Abbiamo disputato una buona gara anche se contro avevamo una squadra niente male. La vittoria ci è sfuggita per un colpo di “spalla” di Napolano che non ha assolutamente toccato la palla con la mano. I miei compagni mi dicono che Forgione è stato espulso per fallo di reazione ma io onestamente non ho visto niente. Nel primo tempo Barbetta ha dovuto compiere una sola parata ma anche noi non siamo stati troppo brillanti. Nella ripresa invece siamo scesi in campo con lo spirito giusto e non abbiamo mai subito gli avversari anche in dieci contro undici. L’unico nostro errore è stato quello di non cercare subito il 2 a 0. Ripartiamo dalla determinazione dimostrata oggi e le vittorie non ci sfuggiranno.

MARINI: Napolano ha preso il pallone nettamente con il petto, addirittura si è abbassato per evitare di colpirlo con la mano. E’ un rigore assolutamente inesistente e per noi questa decisione dell’arbitro è stata una grossa botta. Comunque anche noi abbiamo commesso una grossa ingenuità con Forgione che è caduto nella provocazione ed ha lasciato la squadra in dieci. Il pareggio odierno è una concomitanza di eventi che si sono succeduti in poco tempo: prima l’infortunio di Aquino, anche se Ianni è entrato subito in partita, poi l’espulsione di Forgione ed infine il rigore inventato.

AQUINO: oggi poteva andare sicuramente meglio, non ho capito l’espulsione di Forgione. Ho l’impressione che qualcuno vuole danneggiarci anche se, ribadsco, anch’io che siamo stati ingenui in occasione dell’allontamento dal campo di Forgione. Abbiamo comunque sagliato perché dopo quei concitati minuti, dovevamo “stringere i denti” ed allontanare i nostri avversari dall’area: infatti in dieci contro undici noi abbiamo arretrato il baricentro e loro hanno tentato il tutto per tutto. Sono uscito per una contrattura al polpaccio di cui ho sofferto già in settimana. Credo però che non sia nulla di grave. Domenica sarò a disposizione del mister.

sono contento per il mio esordio, non certo per il risultato. Dopo la rabbia accumulata oggi domeniica vinceremo sicuramente. Il Riviera delle Palme non mi fa paura, anzi per noi giovani deve essere uno stimolo. D’altra aprte il calcio è questo e se sono arrivato in questa squadra devo abituarmi a certi palcoscenici. Io fondamentalmente sono un esterno alto per cui penso di essere in grado di svolgere il mio ruolo anche in fase offensiva nelle gare caalinghe. E non solo in difesa come oggi. Noi baresi saimo caldi ma freddi dentro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.275 volte, 1 oggi)