MARTINSICURO – Lo smantellamento del tetto in eternit della scuola media di Martinsicuro al centro delle polemiche per un acceso botta e risposta tra l’associazione Aurora (che comprende l’ex consigliere comunale Gianfranco De Luca) e l’amministrazione Camaioni. Oggetto del contendere la presunta parentela del sindaco con uno dei due tecnici incaricati del progetto per la rimozione del tetto, e la pubblicazione di una determina, chiesta più volte dall’associazione, attraverso cui conoscere le motivazioni dell’affidamento.

“Quest’amministrazione – ha affermato De Luca – quando era all’opposizione ha sempre criticato un certo tipo di politica che premiava gli amici degli amici, e ora sembra comportarsi allo stesso modo. Non mettiamo assolutamente in dubbio la professionalità del tecnico, ma chiediamo di conoscere nell’apposita determina i criteri di assegnazione dell’incarico”. L’associazione chiede di accedere al documento con la pubblicazione sul sito del Comune, così come già fatto per la delibera di giunta, già da tempo online.

Il sindaco Camaioni ha assicurato che non esiste “nessuna parentela diretta” con la persona in questione e accusa De Luca di parlare solo a titolo personale, senza rappresentare alcun movimento e non avendo alcuna rappresentanza in consiglio comunale.

Un’affermazione che non è piaciuta all’ex consigliere comunale: “Gli attuali amministratori – ha affermato – si indignano del fatto che chi li critica non ha dei rappresentanti in consiglio, dimenticando che proprio loro hanno sempre dichiarato di essere lontani dai raggruppamenti politici e dai partiti ma di essere a fianco dei singoli cittadini che, secondo questa nuova tesi, non potrebbero esternare critiche. Inoltre, avendo ricevuto critiche sulle mie precedenti appartenenze politiche, voglio dire al sindaco Camaioni che da ex An e da ex Fli mi rivolgo ad un ex assessore che negli anni ’80 sedeva in consiglio comunale al fianco di quei politici che oggi critica così duramente. Chiedo di nuovo dunque che venga pubblicata la determina in questione, perché non vorrei che celasse qualche problema”.

La risposta dell’amministrazione comunale non si è fatta attendere: “Ci rammarica dover constatare – si legge in una nota – che il fatto di aver partecipato alla vita amministrativa attiva, sia dai banchi della maggioranza che da quelli dell’opposizione, non sia servito all’ex consigliere De Luca a comprenderne appieno i meccanismi. Questo aspetto conferma che se le cose, in passato, non sono andate per il verso giusto per la nostra città, non si deve certo all’appartenenza ad una compagine politica piuttosto che ad un’altra, quanto piuttosto alla formazione di chi ha rappresentato i cittadini.  In ogni caso vogliamo aiutare l’ex consigliere nella sua opera, invitandolo ad andare sul sito del Comune di Martinsicuro dove, regolarmente pubblicata dal 24 agosto all’8 Settembre 2012 al progressivo 1596, potrà trovare la determina che non riesce a reperire e dalla quale potrà anche rilevare che l’incarico relativo ai lavori è stato conferito ad un tecnico esperto che da molti anni collabora con il nostro Ente a prescindere dalla collocazione delle amministrazioni ed a cui è stato affiancato un giovane tecnico cui riteniamo giusto, al pari di altri in futuro, dare la possibilità di maturare l’opportuna esperienza”.

In merito alla presunta parentela tra il sindaco Camaioni e il tecnico, nella nota si ribadisce che “oltre a non essere giuridicamente rilevante, non può essere certamente considerata motivazione per un incarico”.

De Luca però mette di nuovo la lancia in resta e affonda: “Sul sito del Comune non è possibile visionare il testo delle determine, chiedo pertanto che la determina in oggetto venga pubblicata integralmente a mezzo stampa o sul sito di Città Attiva”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 774 volte, 1 oggi)