PAGLIARE CALCIO-GROTTAMMARE: 2-3

PAGLIARE CALCIO: Peroni, Cafini, Merlonghi, Ciotti (52’ Gibillieri), Pulcini, Alijevic, Sciamanna, Chiappini, Pezzoli, Crocetti, Langiotti. A disp. Camaioni, Gregori, Fazzini, Tedeschi, Tamburrini, Capriotti

Allenatore: Roberto Vagnoni

GROTTAMMARE: Di Nardo, Silvestri, Monaco, Palanca, Capriotti, Schicchi, Adamoli, Gaibo, Ludovisi, Cameli (64’ Calvaresi M.), Rosa. A disp. Damiani, La Grassa, Baldassarri, Frattali, Pagliarini, Calvaresi D.

Allenatore: Giuseppe De Amicis

ARBITRO: Martiniello di Macerata

RETI: 23’ Ludovisi, 35’ Schicchi, 49’ Rosa (R), 55’ Cafini, 85’ Crocetti

AMMONITI: 31’ Ludovisi, 38’ Silvestri, 43’ Merlonghi, 49’ Langiotti, 84’ Schicchi, 90’ Capriotti

ESPULSI: 60’ Cafini

ANGOLI: 8-2

RECUPERO: 1’+ 3’

SPETTATORI: 150

CASTEL DI LAMA – Una partita che resterà negli cronache storiche del calcio dilettantistico per un bel po’, quella tra il Pagliare Calcio e il Grottammare. L’occasione è il girone d’andata della prima fase di Coppa Italia Marche, che finì col risultato di 1-0 per gli uomini di Vagnoni nel primo turno.

L’esito vede i rivieraschi conquistare una vittoria con un gol di scarto che li certifica come procedenti verso la fase successiva, al termine di un match dove le trepidazioni si sono susseguite costantemente, per poi culminare negli ultimi 15 minuti di gioco.

Le due squadre sono rimaste ben equilibrate per gran parte dei 94 minuti disputati, una compensazione che è stata logorata a favore prima di una poi dell’altra compagine da un arbitraggio impacciato, malinteso e approssimativo.

Il Pagliare Calcio si dimostra fazione ostinata e inflessibile, tenace fino all’ultimo senza nemmeno farsi scalfire dopo aver subito il 3-0 a seguito di un discusso rigore. Qualche incertezza a centrocampo e nei fraseggi, errori veniali che però a volte hanno comportato la possibilità di pericolose ripartenze per i bianco-celesti. La squadra di Vagnoni termina la partita in dieci, andando più volte vicina al pareggio.

Il Grottammare piazza tre reti nel giro di 25 minuti, grazie al bomber Ludovisi, all’esordiente Schicchi e a Rosa. Segnali ottimi da Gaibo, ineccepibile e instancabile, annoverato anche dagli spalti colmi di tifosi bianco-rossi. Una sfida indimenticabile anche per il portiere Di Nardo, che si riscopre uomo dei miracoli salvando in più volte la sua squadra da situazioni che davano il gol per scontato.

Per la cronaca, si parte dopo appena 25 secondi. Ludovisi riceve un cross in area, stop e conclusione di collo destro respinta di mano da Peroni. Al 8’ Gaibo lancia lungo per il bomber laziale, che di prima ci prova con un collo destro a giro che non impensierisce l’estremo difensore bianco-rosso. Due minuti dopo cross basso di Pezzoli dalla destra, Alijevic da altezza dischetto calcia alle stelle.

Al 21’ tiro innocuo di Crocetti dai 20 metri, Di Nardo blocca facile e un minuto dopo Grottammare in vantaggio. Gaibo recupera magistralmente palla a centrocampo e suggerisce per Adamoli sulla fascia destra, il quale propone per Rosa che dai 30 metri esplode un tiro centrale respinto da Peroni. Sulla ribattuta ancora Gaibo crossa al centro per la testa di Ludovisi che centra l’angolino basso sul secondo palo, dove Peroni non può arrivare.

La replica del Pagliare al 32’. Su punizione a due a pochi metri dall’area piccola, bolide di Chiappini e miracolo di Di Nardo che respinge in corner un gol praticamente fatto. Sul corner successivo Crocetti ci prova dal limite, respinge di testa Capriotti. Al 35’ raddoppio per i bianco-celesti. Angolo battuto da Adamoli, Schicci al volo di collo sinistro indovina il primo palo basso con Peroni impotente. Gol con esordio per l’ex di Ascoli e Orvietana.

Nella ripresa il terzo gol per i rivieraschi. Al 49’ Fallo in area di Langiotti su Ludovisi, l’arbitro concede il rigore. Dal dischetto Rosa non fallisce spiazzando il portiere. Ma il Pagliare non demorde. Al 55’ Accorcia le distanze con Cafini. Fraseggio al limite tra Langiotti e Cafini, Langiotti di tacco propone in area per Cafini il cui tiro a giro viene smanacciato da Di Nardo ma termina all’angolino basso del secondo palo. Al 60’ Cafini diventa protagonista in negativo, commettendo fallo da ultimo uomo su Rosa in fuga. Espulso dal direttore di gara.

Al 68’ Pezzoli entra in area e da posizione defilata esplode un sinistro indirizzato verso il sette, respinto in angolo da un miracolo in tuffo di Di Nardo, al 74’ Monaco lanciato in contropiede tenta un sinistro che termina di poco a lato e al 77’ Crocetti ci prova da una posizione impossibile e a momenti realizza un supergol, la sfera termina di poco alta con Di Nardo fuori dai pali che rimane immobile.

Ancora emozioni. Al 83’ Adamoli lanciato in contropiede tenta un pallonetto su Peroni in uscita, la sfera termina di poco a lato e al 85’ Crocetti accorcia le distanze realizzando direttamente su punizione, il pallone supera la barriera e termina sul primo palo basso. Di Nardo in tuffo non ci arriva. Le ultime due azioni sono due gol mancati per il Pagliare, grazie ai miracoli di San Di Nardo. Al 87’ palla in area respinta di pugno da Di Nardo, Alijevic recupera la sfera e a porta spalancata spara alle stelle. Su azione successiva cuoio a Pezzoli che da posizione defilata calcia di collo destro, Di Nardo respinge in corner in tuffo.

Al 92’ ancora Pagliare vicino al gol e ancora miracolo di Di Nardo. Pulcini lanciato in contropiede e a tu per tu contro il nr. uno bianco-celeste, esplode un tiro ribattuto miracolosamente dal giovane portiere che evita un gol praticamente dato per scontato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 559 volte, 1 oggi)