Per guardare il video cliccare in basso a destra. Riprese e montaggio di Maria Jose Fernandez Moreno. Intervista di Massimo Falcioni.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Un fulmine a ciel sereno”. Gianni Iacoponi, proprietario de “La Terrazza”, cade dalle nuvole e fatica a comprendere i motivi dell’attacco ricevuto dal sindaco Gaspari. Il primo cittadino aveva chiamato in causa proprio la struttura di Iacoponi, ritenendola direttamente responsabile, assieme al Jonathan Disco Beach, dell’odore nauseabondo di urina che si respira quotidianamente nel tratto compreso tra il monumento al Pescatore e l’ingresso per il Molo sud.

“Sono sorpreso – ribatte Iacoponi – il mio esercizio ha più di dieci bagni, fra quelli riservati a clienti e personale. Mi pare alquanto strano che i frequentatori del mio locale decidano di scendere un piano per fare pipì”.

A provocare tale disagio sarebbero pertanto altri fattori: “Il problema è semmai diurno, conviviamo da mesi con una situazione delicata. Quella zona è frequentata da tossici e barboni che bivaccano giorno e notte. Per quel che ci riguarda provvediamo di notte a controllare l’area con l’ausilio di buttafuori e parcheggiatori”.

Iacoponi, che non cela la preoccupazione, chiederà al sindaco un confronto chiarificatore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.844 volte, 1 oggi)