SAN BENEDETTO DEL TRONTO  – Si è svolta nel giorno di ferragosto l’XI edizione della regata organizzata dal circolo Ragn’a Vela, dal 2011 intitolata alla memoria di Serafino Balestra, socio del club scomparso prematuramente qualche anno fa.

Molte le imbarcazioni in gara, con diverse tipologie di derive, fra Laser, FD, catamarani e altri poliscafi. Nonostante il vento non particolarmente favorevole, con una media di 6 nodi, la regata si è svolta regolarmente. Il trofeo Memorial Serafino Balestra è andato quest’anno a due giovanissimi della Lega Navale, Matteo Pincherle e Ludovico Basharzad, su una deriva modello 420, seguiti nella classifica generale da Lorenzo Caucci e Giuseppe D’Angelo (FD, circolo Ragn’a Vela) e Carlo e Stefano Carincola (FD, circolo Ragn’a Vela).

Premiati anche i primi tre classificati nelle singole categorie:  per i Laser, Sergio Laganà, Giuseppe Marconi e Alessandro Mercante, per gli FD, Lorenzo Caucci e Giuseppe D’Angelo, Carlo e Stefano Carincola e Giovanni Didomenicantonio e Mauro Bracciani, e infine per i poliscafi, Pietro Bovara e Gino Sulpizi, Giulio Domizi e Toni Pagliarini.

Come sempre la cerimonia di premiazione è stata preceduta da una cena offerta dal circolo ai partecipanti e ai soci, alla presenza del sindaco di San Benedetto, Giovanni Gaspari, e dell’assessore alla cultura Margherita Sorge. Quest’anno il presidente Camillo Carminucci e il vice presidente Carnicelli hanno deciso di premiare anche i proprietari delle barche di appoggio, primo fra tutti Pietro Coccia, per la barca giuria, e di assegnare premi speciali a tre soci del circolo Ragn’a Vela che si sono distinti negli anni per il loro impegno: Ennio Piunti, tesoriere e attento gestore degli aspetti amministrativi, Pietro Caselli, che cura la manutenzione delle splendide lancette esposte sul tetto del circolo, e Gino Piergallini, “il maestro che ha insegnato a tutti noi ad andare in barca”, nelle parole del presidente Carminucci.

Alla premiazione ha partecipato anche il presidente del Circolo Nautico Sanbenedettese, Rolando Rosetti, che ha ricordato la collaborazione fra i due club che ha consentito di organizzare negli ultimi tre anni corsi di vela frequentati da moltissimi bambini e ragazzi.

La serata è stata anche un’occasione per fugare i timori suscitati dalle voci di una possibile cessione dell’area attualmente occupata dal Ragn’a Vela all’antistante hotel-residence Smeraldo. Il sindaco Gaspari ha voluto rassicurare i soci del circolo e tutti i presenti affermando che si tratta di voci infondate, in quanto “non esistono più aree disponibili da assegnare in concessione e le spiagge adiacenti alle foci dei torrenti sono destinate per normativa al rimessaggio di barche, quindi l’ipotesi di cessione allo Smeraldo è tecnicamente impossibile”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 431 volte, 1 oggi)