SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “L’opera lirica è il vero teatro nazionale”: dando ragione alle parole di Luca Ronconi anche quest’anno torna l’appuntamento con la grande lirica al Porto, che dopo i Carmina Burina nel 2010 e il Nabucco nello scorso anno, ci propone il 12 agosto la rappresentazione della Tosca, fortemente voluta e sostenuta dalla Provincia e sponsorizzata tra gli altri dall’immancabile Carisap, dalla Regione Marche e per questa edizione anche dalla Coop Adriatica, sempre più sostenitrice della cultura nelle sue svariate forme. Il tutto a prezzi più che popolari, come assicurato dal presidente della Provincia Celani: 20, 15 o 10 euro i prezzi per i tre diversi settori.

Grazie all’attività di coordinamento svolta dalla Provincia e al sostegno della Capitaneria di Porto sarà nuovamente possibile allestire uno spettacolo del genere all’interno della darsena turistica, luogo suggestivo e al contempo capace di rappresentare l’anima turistica della città, affermando la volontà di offrire ai visitatori non solo il divertimento tipico delle località rivierasche ma anche forme di intrattenimento che possano destagionalizzare il flusso turistico della zona, nella direzione di una sempre più marcata identità del territorio piceno, ricchissimo per di più di teatri storici.

La scelta è ricaduta sull’opera di Puccini non solo in quanto simbolo di per sè della lirica a livello internazionale, come ha puntualizzato l’assessore Sorge, ma anche e soprattutto per una motivazione “affettiva” in quanto proprio questo spettacolo fu portato a Bangkok nel 2006 dal direttore artistico Claudio Pugliese, curatore della stagione lirica di Ascoli Piceno, che ha prontamente illustrato le peculiarità di questa edizione: l’allestimento affidato al premio Oscar Gianni Quaranta, con il direttore d’orchestra Francesco Chirivì per la regia di Lev Pugliese. Importantissima la presenza del Coro del Ventidio Basso, una realtà ormai stabile e soprattutto del territorio, come locali sono anche le varie ditte che hanno contribuito agli aspetti legati a luci e suono. Nel ruolo di Tosca si potranno ammirare le doti canore della soprano Simge Buyukedes affiancata da Stefano Meo e Romolo Tisano.

Inoltre già da ora possiamo anticiparvi che il prossimo anno, in occasione della ricorrenza dei 200 anni dalla nascita di Giuseppe Verdi, è prevista per ottobre una riedizione della sua celebre Messa da Requiem, con il coinvolgimento di oltre 240 persone.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 628 volte, 1 oggi)