SANT’OMERO – Tragico incidente stradale questa mattina, martedì 7 agosto, sulla bonifica del Salinello, con un morto e quattro feriti, tra cui un bimbo di 8 anni in condizioni gravi.

Erano da poco passate le 8 quando, all’altezza dell’incrocio con Nereto, due auto, una Fiat Stilo e una Lancia Delta si son scontrate. Nell’impatto ha perso la vita un albanese di 36 anni, Maksim Islam, residente a Sant’Omero, che viaggiava insieme al figlio di 8 anni e ai nonni del bambino. L’altra auto era guidata da un ragazzo di 22 anni, M.M.di Nereto, risultato positivo all’alcoltest con un valore di 1,95 g/l (il massimo consentito per legge è 0,5g/l). Lo stato di ebbrezza del giovane sarebbe alla base dell’invasione di corsia opposta e dello scontro frontale.

L’albanese è morto sul colpo mentre il bambino è stato trasportato in eliambulanza all’ospedale di Teramo. Gravi anche i nonni ricoverati a Teramo, mentre il 22enne, trasportato all’ospedale di Giulianova, è in prognosi riservata ma non è in pericolo di vita.

Sul posto al momento dell’incidente sono intervenute due pattuglie della Polstrada di Pineto e Teramo, e i Vigili del Fuoco che hanno estratto i corpi dalle lamiere.

Le due auto sono state sequestrate per gli accertamenti di rito, mentre per il giovane è scattato il ritiro della patente e il sequestro dell’auto ai fini della confisca. M.M. già nel giugno 2010 era stato denunciato dal Distaccamento Polizia Stradale di Giulianova pocihè aveva un tasso alcolemico nel sangue pari a 1,96g/l, e dopo un anno di sospensione, la patente gli era stata restituita nel giugno 2011. Nei suoi confronti scatta una denuncia per omicidio colposo aggravato dallo stato di ebbrezza superiore a 1,5g/l, con un aumento di pena pari a 10 anni e la sanzione accessoria della revoca della patente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.581 volte, 1 oggi)