SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una Notte Bianca diversa, insolita. Probabilmente migliore. Il 2012 ha rappresentato davvero l’anno zero per la manifestazione clou dell’estate. L’aveva annunciato l’amministrazione comunale nelle passate settimane, l’hanno confermato i fatti.

La stima sui presenti risulta difficile, se non impossibile. Tuttavia, senza la mega-discoteca in prossimità della foce dell’Albula, sabato sera la folla s’è distribuita in tutta la città, compreso il lungomare, al contrario deserto gli anni scorsi.

Una San Benedetto per tutti i gusti, suddivisa curiosamente in tre settori di genere. A nord l’area per i bambini (con il Villaggio dello Sport in Piazza San Giovanni Battista), al centro le attrazioni per famiglie ed infine, in direzione sud, gli stabilimenti balneari della madrugada ad utilizzo (quasi esclusivo) dei giovani.

Il sindaco Gaspari parla chiaramente di “un salto di qualità”, avallato oltretutto da una drastica diminuzione dell’abuso di alcol. “Si è vista molta più tranquillità”, ha dichiarato il primo cittadino. “Forse negli scorsi anni c’era una sorta di ansia da trasgressione, si correva verso l’epilogo in spiaggia. Quest’anno questa scadenza non c’è stata, la festa si è diffusa e ciò ha reso tutto più sereno. C’è stata un po’ più di gente e meno frenesia; è un bene. Voler puntare sui ragazzi e i più piccoli è stata una decisione vincente. Nonostante la Notte Rosa di Porto San Giorgio s’è registrata parecchia affluenza, grazie a questo nuovo format”.

I sorrisi sono arrivati pure sul fronte dell’abusivismo, con i carrelli contenenti bevande alcoliche totalmente scomparsi. Meno soddisfacente invece il bilancio inerente i commercianti cingalesi, distributori di collanine, cappelli e cerchietti luminosi di ogni sorta. Attorno alle due, la Polizia Municipale e la Fifa Security avevano effettuato già una decina di sequestri.

Se in via Montebello è riapparsa la tradizione con l’istituzionale taglio della torta condito dall’immancabile brindisi, Piazza Giorgini s’è rivelata un vero e proprio fulcro di sorprese. Come quando, attorno alle 23.30 è salito sul palco Enzo Iacchetti, non annunciato alla vigilia. Per lo showman di Luino apparizione flash di venti minuti: qualche battuta, la promozione di Cabaret Amoremio (in programma i prossimi 10 e 11 agosto a Grottammare) e l’interpretazione di “Io vagabondo” dei Nomadi, al fianco della band “L’isola di Wight”. All’una spazio al comico Giorgio Montanini (trionfatore nel 2010 proprio al Cabaret Amoremio) e ad Alberto Caiazza. La ciliegina sulla torta l’hanno posta però gli Smooth Criminal, re indiscussi della notte con il meraviglioso ad applauditissimo tributo a Michael Jackson, conclusosi solo alle 5.

GASPARI “CANTERINO” Simpatica parentesi nello stand di Tvp Italia per il sindaco, che ha interpretato al karaoke il brano di Massimo Ranieri, “Rose Rosse”.

NEGOZI PRESI D’ASSALTO Obiettivo centrato per i negozianti, che intendevano sfruttare la Notte Bianca per rilanciare il commercio. Acquisti a valanga, favoriti ovviamente dagli sconti proposti per l’occasione.

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 4.014 volte, 1 oggi)