APPIGNANO DEL TRONTO – Una pallottola scagliata contro l’indifferenza, l’incuria e la negligenza nei confronti di un’Italia colpita dai terremoti. Il grilletto premuto dalla cittadinanza di Appignano Del Tronto, che in supporto all’amministrazione comunale e ad alcune attività commerciali e sportive del luogo si rimbocca le maniche fornendo assistenza e supporto logistico nell’affascinante contesto naturalistico di cui si circonda.

Come la fanteria degli Alpini specializzata nei combattimenti sui territori montuosi e famosa per i suoi celeri ed ineccepibili interventi, la cittadina ascolana facente parte della Comunità Montana Del Tronto indossa il cappello al quale al posto della celeberrima penna da alpino troviamo una grande S di solidarietà, capta la richiesta d’aiuto di una squadra sportiva romagnola e scende in campo combattendo al fianco dell’amico ferito.

La tecnologia fornisce il ponte di collegamento, l’inclinazione alla filantropia e al cameratismo di Appignano fa il resto. Il messaggio in bottiglia fu lanciato nell’oceano della rete web dal dirigente societario Marco Bertulessi, facente parte all’organico dell’ASD Ciclistica Novese di Modena. Nella missiva d’aiuto affidata ai calcoli binari dei computer vi era la richiesta di supporto per i giovani atleti ciclisti della piccola società, profondamente colpiti dai devastanti risvolti del terremoto di poche settimane fa.

Per gli sportivi era necessario un break da quel contesto e un sostegno monetario, che a causa dei sismi andava gradualmente dissipandosi visto l’incremento dei blocchi delle attività.

La polisportiva di Appignano Alessi Fireworks, nella figura del presidente Giuseppe Albertini, il comune, la pro loco locale e varie attività commerciali accolgono l’sos e forniscono di loro personale iniziativa agli 11 sportivi un luogo di relax e armonia nel quale effettuare il ritiro e continuare la preparazione atletica. Appignano s’adorna a festa accogliendo i giovani ragazzi emiliani e ottiene una vittoria mastodontica sconfiggendo il menefreghismo e l’indifferenza nei confronti dei sofferenti, dimostrando al mondo intero che “La bontà è l’unico investimento che non fallisce mai” come diceva Henry David Thoreau.

E mentre gli sportivi della ASD Ciclistica Novese si godono il loro meritato ritiro in terra appignanese, non si fermano le iniziative di supporto. Sabato 4 agosto alle ore 21.00 verrà consegnata una targa in ricordo di questo incontro presso il parco giochi comunale “Sergio De Angelis” in occasione de “La notte blu della musica”, mentre nel pomeriggio e nella mattinata del giorno seguente nella piazza principale ci sarà la vendita del Parmigiano Reggiano, per dare un piccolo aiuto ai caseifici produttori del famoso formaggio colpiti dal sisma, per soli 15 euro al Kg.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 284 volte, 1 oggi)