PAGLIARE – Sono da poco passate le ore 20,15 di venerdì 27 luglio quando due uomini mascherati entrano nel supermercato “Coal”. A quell’ora all’interno non ci sono più clienti ma solo qualche inserviente. Uno di questi viene percosso alla testa da uno dei rapinatori che impugna una pistola (probabilmente giocattolo) e si fa aprire la cassa.

In pochi istanti i due riescono ad appropriarsi di circa ottomila euro e si danno quindi alla fuga, probabilmente a piedi, riuscendo a far perdere le proprie tracce. Sul posto arrivano i Carabinieri di Monsampolo e quelli del NOR di San Benedetto ma, senza testimonianze di rilievo, rimane difficile stabile con quali mezzi i rapinatori si siano dati alla fuga. Sono  in corso le indagini su tutto il territorio piceno.

Sempre i Carabinieri della stazione di Monsampolo hanno notificato un mandato di arresto a M.G. una 41enne abruzzese situata agli arresti domiciliari in una comunità di recupero di Spinetoli. La donna è stata condannata dal tribunale dell’Aquila  ad un anno e cinque mesi da scontare presso la comunità per reati inerenti lo spaccio di droghe commessi nel 2002 a Pescara.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.015 volte, 1 oggi)